networking

Berlino? La capitale degli start-up è il nuovo hub per l'architettura

Alessandro Melis (Heliopolis21) racconta perchè Berlino si sta affermando come nuovo hub dell'architettura contemporanea
Accedi a My
Alessandro Melis (Heliopolis21)Alessandro Melis (Heliopolis21)

Berlino? È una delle città perfette per chi cerca fortuna oltre confine. «È la capitale degli start-up. Gli affitti sono notevolmente più bassi non solo rispetto a città come Roma o Milano, ma anche rispetto a città come Pisa o Livorno - racconta Alessandro Melis, socio di Heliopolis21, sardo, con studio a Pisa, con un recente cambio di residenza a Berlino -. Per 500-600 euro si può trovare un magnifico tre vani in un quartiere come Schoeneberg. Ristoranti e locali sono accessibilissimi». Per Melis «Berlino è un hub. In realtà - racconta - Berlino è la città tedesca dove, probabilmente, c'è meno lavoro. In alcune città, come ad esempio Amburgo, non solo la crisi non ha avuto alcun impatto, ma addirittura il lavoro è aumentato». Ma è a Berlino che si fa il 'networking', si va Berlino non per lavorare a Berlino, ma per lavorare in Germania, in Cina, negli Emirati e in Russia.

Il 29 marzo nella capitale tedesca sarà presentato ufficialmente un network di professionisti italiani-tedesco, un'iniziativa sostenuta dalla Camera di Commercio italiana per la Germania, che conta quattro architetti tra i soci fondatori: lo stesso Alessandro Melis, Barbara Foerster, Carlo Stanga e Sabrina Rossetto.

«È difficile quantificare gli architetti italiani a Berlino - spiega Alessandro Melis - perchè non tutti sono residenti, alcuni vengono per periodi più o meno lunghi. Ma sulla pagina Facebook dedicata ai 'professionisti a Berlino' gli architetti sono tra quelli che più frequentano la bacheca».
Da anni a Berlino lavorano studi italiani come quelli di Bruno-Fioretti-Marquez e studio Eu. Ci sono architetti come Salvatore Armenia che è cresciuto in uno studio locale, fino a diventarne socio (ap plan).

Secondo Melis negli ultimi due anni il flusso è cresciuto. «Abbiamo notato - dice Melis - che agli architetti italiani provenienti dall'Italia, si stanno aggiungendo gli architetti italiani che, ad esempio, qualche hanno fa si erano spostati in Spagna, Portogallo e perfino nel Regno Unito».
Qualche anno fa si pensava che la ricostruzione poteva essere un'opportunità per i giovanissimi ma oggi gli italiani che arrivano a Berlino sono neolaureati in cerca di occasioni di stage, o di un impiego, «ma anche da tanti professionisti maturi, che, spesso mantengono rapporti professionali con il Belpaese» dice l'architetto Melis.

Berlino è apprezzata per i modi innovativi di gestire gli spazi destinati al lavoro. Guardando con attenzione al mercato dell'architettura «a Berlino esistono studi che riescono a vivere facendo solo concorsi: una condizione inesistente in Italia» commenta l'architetto di Helipolis21.
www.berlinitaly.de

Commenta la notizia

Dossier on line

Il soccorso istruttorio alla prova dei giudici

Evitare i cartellini rossi in gara dovuti a motivi esclusivamente formali, come la dimenticanza o l'incompletezza di una dichiarazione. E di conseguenza ridurre l'enorme contenzioso negli appalti. Era l'obiettivo alla base del nuovo soccorso istruttorio introdotto nel codice dal decreto legge 90/2014 ad agosto 2014. L'effetto è stato opposto. La possibilità di sanare le irregolarità formali pagando una sanzione ha prodotto una serie di difficoltà applicative che hanno mandato in tilt gli uffici gara di mezza Italia. Generando nuovi ricorsi. In questo dossier imprese e amministrazioni possono trovare una guida operativa all'applicazione delle nuove misure. Con l'approfondimento delle interpretazioni fornite dall'Anac, l'analisi delle normative europee e soprattutto il commento e i testi delle prime sentenze pronunciate dai Tar per dare soluzione ai casi concreti.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Materiali e Tecnologia

Monitoraggio degli edifici sfruttando le onde radio: l'idea di SmartPatch

Una startup del Politecnico di Torino ha messo a punto una piattaforma di "Internet delle cose" per temere sotto controllo le condizioni degli edifici con sistemi wireless

Social Housing

Housing, con l'intesa Campidoglio-Cdp 2mila alloggi in più a Roma

Previsti investimenti per 190 milioni per realizzare nuove case popolari da affittare a canone calmierato