networking

Berlino? La capitale degli start-up è il nuovo hub per l'architettura

Alessandro Melis (Heliopolis21) racconta perchè Berlino si sta affermando come nuovo hub dell'architettura contemporanea
Accedi a My
Alessandro Melis (Heliopolis21)Alessandro Melis (Heliopolis21)

Berlino? È una delle città perfette per chi cerca fortuna oltre confine. «È la capitale degli start-up. Gli affitti sono notevolmente più bassi non solo rispetto a città come Roma o Milano, ma anche rispetto a città come Pisa o Livorno - racconta Alessandro Melis, socio di Heliopolis21, sardo, con studio a Pisa, con un recente cambio di residenza a Berlino -. Per 500-600 euro si può trovare un magnifico tre vani in un quartiere come Schoeneberg. Ristoranti e locali sono accessibilissimi». Per Melis «Berlino è un hub. In realtà - racconta - Berlino è la città tedesca dove, probabilmente, c'è meno lavoro. In alcune città, come ad esempio Amburgo, non solo la crisi non ha avuto alcun impatto, ma addirittura il lavoro è aumentato». Ma è a Berlino che si fa il 'networking', si va Berlino non per lavorare a Berlino, ma per lavorare in Germania, in Cina, negli Emirati e in Russia.

Il 29 marzo nella capitale tedesca sarà presentato ufficialmente un network di professionisti italiani-tedesco, un'iniziativa sostenuta dalla Camera di Commercio italiana per la Germania, che conta quattro architetti tra i soci fondatori: lo stesso Alessandro Melis, Barbara Foerster, Carlo Stanga e Sabrina Rossetto.

«È difficile quantificare gli architetti italiani a Berlino - spiega Alessandro Melis - perchè non tutti sono residenti, alcuni vengono per periodi più o meno lunghi. Ma sulla pagina Facebook dedicata ai 'professionisti a Berlino' gli architetti sono tra quelli che più frequentano la bacheca».
Da anni a Berlino lavorano studi italiani come quelli di Bruno-Fioretti-Marquez e studio Eu. Ci sono architetti come Salvatore Armenia che è cresciuto in uno studio locale, fino a diventarne socio (ap plan).

Secondo Melis negli ultimi due anni il flusso è cresciuto. «Abbiamo notato - dice Melis - che agli architetti italiani provenienti dall'Italia, si stanno aggiungendo gli architetti italiani che, ad esempio, qualche hanno fa si erano spostati in Spagna, Portogallo e perfino nel Regno Unito».
Qualche anno fa si pensava che la ricostruzione poteva essere un'opportunità per i giovanissimi ma oggi gli italiani che arrivano a Berlino sono neolaureati in cerca di occasioni di stage, o di un impiego, «ma anche da tanti professionisti maturi, che, spesso mantengono rapporti professionali con il Belpaese» dice l'architetto Melis.

Berlino è apprezzata per i modi innovativi di gestire gli spazi destinati al lavoro. Guardando con attenzione al mercato dell'architettura «a Berlino esistono studi che riescono a vivere facendo solo concorsi: una condizione inesistente in Italia» commenta l'architetto di Helipolis21.
www.berlinitaly.de

Commenta la notizia

Dossier on line

Le norme del Piano casa, Regione per Regione

Anche l'Umbria, dopo la Valle D'Aosta e la Provincia di Bolzano, ha reso permanenti le norme regionali che consentono l'ampliamento degli immobili case esistenti. La Sardegna ha tentato di fare lo stesso, ma non ce l'ha fatta; e così, dopo pochi mesi di vuoto normativo, ha nuovamente reso vigenti le regole del Piano casa, fino alla fine del 2016. Nuove norme aggiornate anche in Molise, Piemonte, Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche, Puglia, Toscana, Sicilia. Nel dossier on line di 300 pagine sul Piano casa, tutti gli aggiornamenti intervenuti nell'ultimo anno e mezzo, Regione per Regione, spiegati dagli esperti. E ancora: il riassunto schematico e sinottico delle norme sugli ampliamenti e tutti testi delle leggi, integrali, aggiornati e coordinati (fino alla legge Sardegna pubblicata il 30 aprile).

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Materiali e Tecnologia

Tende e schermi solari, dagli incentivi spinta da 160 milioni all'anno

Lo dicono i numeri elaborati da Unicmi, l'associazione che riunisce le industrie delle costruzioni metalliche, degli involucri e dei serramenti

Social Housing

Piano alloggi inagibili a rischio flop, molti comuni rischiano di perdere le risorse

L'allarme di Federcasa: tempi non immediati e grosse incognite per programma di ripristino degli alloggi inagibili finanziato con 468 milioni