networking

Berlino? La capitale degli start-up è il nuovo hub per l'architettura

Alessandro Melis (Heliopolis21) racconta perchè Berlino si sta affermando come nuovo hub dell'architettura contemporanea
Accedi a My
Alessandro Melis (Heliopolis21)Alessandro Melis (Heliopolis21)

Berlino? È una delle città perfette per chi cerca fortuna oltre confine. «È la capitale degli start-up. Gli affitti sono notevolmente più bassi non solo rispetto a città come Roma o Milano, ma anche rispetto a città come Pisa o Livorno - racconta Alessandro Melis, socio di Heliopolis21, sardo, con studio a Pisa, con un recente cambio di residenza a Berlino -. Per 500-600 euro si può trovare un magnifico tre vani in un quartiere come Schoeneberg. Ristoranti e locali sono accessibilissimi». Per Melis «Berlino è un hub. In realtà - racconta - Berlino è la città tedesca dove, probabilmente, c'è meno lavoro. In alcune città, come ad esempio Amburgo, non solo la crisi non ha avuto alcun impatto, ma addirittura il lavoro è aumentato». Ma è a Berlino che si fa il 'networking', si va Berlino non per lavorare a Berlino, ma per lavorare in Germania, in Cina, negli Emirati e in Russia.

Il 29 marzo nella capitale tedesca sarà presentato ufficialmente un network di professionisti italiani-tedesco, un'iniziativa sostenuta dalla Camera di Commercio italiana per la Germania, che conta quattro architetti tra i soci fondatori: lo stesso Alessandro Melis, Barbara Foerster, Carlo Stanga e Sabrina Rossetto.

«È difficile quantificare gli architetti italiani a Berlino - spiega Alessandro Melis - perchè non tutti sono residenti, alcuni vengono per periodi più o meno lunghi. Ma sulla pagina Facebook dedicata ai 'professionisti a Berlino' gli architetti sono tra quelli che più frequentano la bacheca».
Da anni a Berlino lavorano studi italiani come quelli di Bruno-Fioretti-Marquez e studio Eu. Ci sono architetti come Salvatore Armenia che è cresciuto in uno studio locale, fino a diventarne socio (ap plan).

Secondo Melis negli ultimi due anni il flusso è cresciuto. «Abbiamo notato - dice Melis - che agli architetti italiani provenienti dall'Italia, si stanno aggiungendo gli architetti italiani che, ad esempio, qualche hanno fa si erano spostati in Spagna, Portogallo e perfino nel Regno Unito».
Qualche anno fa si pensava che la ricostruzione poteva essere un'opportunità per i giovanissimi ma oggi gli italiani che arrivano a Berlino sono neolaureati in cerca di occasioni di stage, o di un impiego, «ma anche da tanti professionisti maturi, che, spesso mantengono rapporti professionali con il Belpaese» dice l'architetto Melis.

Berlino è apprezzata per i modi innovativi di gestire gli spazi destinati al lavoro. Guardando con attenzione al mercato dell'architettura «a Berlino esistono studi che riescono a vivere facendo solo concorsi: una condizione inesistente in Italia» commenta l'architetto di Helipolis21.
www.berlinitaly.de

Commenta la notizia

Dossier on line

EDILIZIA PRIVATA
Dai frazionamenti ai permessi in deroga: tutte le novità dopo lo sblocca Italia

Il decreto Sblocca Italia convertito contiene quasi cinquanta norme in materia di edilizia privata, quasi tutte con modifiche al Testo Unico del 2001.
Nel Dossier on line una guida dettagliata alle nuove regole e alla loro applicazione. E inoltre il Testo unico edilizia ricostruito, le tabelle "intervento-titolo abilitativo" e gli esempi sulle singole opere e con quale procedura realizzarle.
Tra le novità le semplificazioni per la manutenzione straordinaria, il permesso di costruire più flessibile e con tempi dimezzati nei grandi comuni, gli incentivi al recupero sotto forma di minori oneri, il contributo straordinario per gli interventi in variante.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Materiali e Tecnologia

Domotica, alla Sapienza lo start up sulla «casa 2.0» diventa Spa

Il sistema per impianti «intelligenti» ideato da un team di ingegneri si trasforma in impresa grazie anche al sostegno dell'ateneo romano

Social Housing

Fondo affitto e fondo morosità, ripartiti alle regioni 132,7 milioni

Ok in conferenza unificata ottenuta l'intesa all'annualità 2015 di 100 milioni del fondo affitti e 32,7 milioni a sostegno della morosità incolpevole