networking

Berlino? La capitale degli start-up è il nuovo hub per l'architettura

Alessandro Melis (Heliopolis21) racconta perchè Berlino si sta affermando come nuovo hub dell'architettura contemporanea
Accedi a My
Alessandro Melis (Heliopolis21)Alessandro Melis (Heliopolis21)

Berlino? È una delle città perfette per chi cerca fortuna oltre confine. «È la capitale degli start-up. Gli affitti sono notevolmente più bassi non solo rispetto a città come Roma o Milano, ma anche rispetto a città come Pisa o Livorno - racconta Alessandro Melis, socio di Heliopolis21, sardo, con studio a Pisa, con un recente cambio di residenza a Berlino -. Per 500-600 euro si può trovare un magnifico tre vani in un quartiere come Schoeneberg. Ristoranti e locali sono accessibilissimi». Per Melis «Berlino è un hub. In realtà - racconta - Berlino è la città tedesca dove, probabilmente, c'è meno lavoro. In alcune città, come ad esempio Amburgo, non solo la crisi non ha avuto alcun impatto, ma addirittura il lavoro è aumentato». Ma è a Berlino che si fa il 'networking', si va Berlino non per lavorare a Berlino, ma per lavorare in Germania, in Cina, negli Emirati e in Russia.

Il 29 marzo nella capitale tedesca sarà presentato ufficialmente un network di professionisti italiani-tedesco, un'iniziativa sostenuta dalla Camera di Commercio italiana per la Germania, che conta quattro architetti tra i soci fondatori: lo stesso Alessandro Melis, Barbara Foerster, Carlo Stanga e Sabrina Rossetto.

«È difficile quantificare gli architetti italiani a Berlino - spiega Alessandro Melis - perchè non tutti sono residenti, alcuni vengono per periodi più o meno lunghi. Ma sulla pagina Facebook dedicata ai 'professionisti a Berlino' gli architetti sono tra quelli che più frequentano la bacheca».
Da anni a Berlino lavorano studi italiani come quelli di Bruno-Fioretti-Marquez e studio Eu. Ci sono architetti come Salvatore Armenia che è cresciuto in uno studio locale, fino a diventarne socio (ap plan).

Secondo Melis negli ultimi due anni il flusso è cresciuto. «Abbiamo notato - dice Melis - che agli architetti italiani provenienti dall'Italia, si stanno aggiungendo gli architetti italiani che, ad esempio, qualche hanno fa si erano spostati in Spagna, Portogallo e perfino nel Regno Unito».
Qualche anno fa si pensava che la ricostruzione poteva essere un'opportunità per i giovanissimi ma oggi gli italiani che arrivano a Berlino sono neolaureati in cerca di occasioni di stage, o di un impiego, «ma anche da tanti professionisti maturi, che, spesso mantengono rapporti professionali con il Belpaese» dice l'architetto Melis.

Berlino è apprezzata per i modi innovativi di gestire gli spazi destinati al lavoro. Guardando con attenzione al mercato dell'architettura «a Berlino esistono studi che riescono a vivere facendo solo concorsi: una condizione inesistente in Italia» commenta l'architetto di Helipolis21.
www.berlinitaly.de

Commenta la notizia

dossier

DECRETO IRPEF
La certificazione
dei crediti Pa e le altre
norme per l'edilizia

Sanzioni a funzionari e uffici che non certificano alle imprese i loro crediti verso la pubblica amministrazione, e obbligo di indicare un tempo di pagamento non oltre 12 mesi per quelli scaduti. Obbligo anche, per le Pa, di mettere on line ogni tre mesi i propri tempi di pagamento. Tutte le norme del Dl 66/2014 (convertito il 23 giugno) di interesse per l'edilizia, approfondite dai nostri esperti. Taglio del 5% per i contratti di servizio, obbligo e modalità per la fatturazione elettronica, centrali di committenza per Regioni e Comuni, bandi solo on line dal 2016, verifica straordinaria dei residui passivi nel bilancio statale, fondi per l'edilizia scolastica. I commenti e il testo annotato.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Materiali e Tecnologia

Ecobonus: solo il 6% di interventi sulle strutture, il 94% su caldaie e infissi

Dati Enea-Cresme: deboli effetti sul risparmio energetico (e anche di spinta sull'edilizia) se non si incentivano in modo più marcato gli interventi sugli involucri esterni (le coibentazioni)

Social Housing

Fondo di garanzia prima casa al via con 600 milioni fino al 2016

Pubblicato in «Gazzetta» il Dm attuativo sulla garanzia fino al 50% della quota capitale per l'acquisto della prima casa. Ma serve l'intesa governo-Abi