Progettazione e Architettura

In diminuzione i concorsi di progettazione e i bandi degli enti locali

M.Fr.

A gennaio e febbraio di quest'anno le gare per servizi di ingegneria e architettura sono state complessivamente 640, per un importo di 51,6 milioni di euro. I valori sono in diminuzione, rispettivamente, di 3 e di 15,3% rispetto allo stesso periodo del 2011. Lo dice l'Oice

Prosegue nel primo bimestre 2012 l'arretramento del mercato pubblico dei servizi di ingegneria e architettura: dopo il crollo di gennaio. Lo afferma l'Oice nella sua oltima rilevazione, effettuata sui bandi pubblicati nel febbraio 2012 . In particolare il valore messo in gara nel mese di febbraio non è infatti sufficiente a recuperare la perdita di gennaio. Male a febbraio anche i concorsi di progettazione, che sono stati 15, rispetto ai 18 di gennaio e ai 16 del febbraio 2011. La media del bimestre risulta leggermente migliore di quella del 2011 (33 contro 29) grazie ai bandi pubblicati a gennaio.
Più in generale, secondo l'Osservatorio Oice-Informatel, le gare di servizi di ingegneria e architettura bandite a febbraio sono state 334 (di cui 29 sopra soglia) per un importo complessivo di soli 30,4 milioni di euro (17,7 sopra soglia). Rispetto a febbraio 2011 il numero delle gare scende del 5,1% (-25,6% sopra soglia e -2,6% sotto soglia) mentre rimane stabile il loro valore complessivo (-6,6% sopra soglia e +11,0% sotto soglia).
Le stazioni appaltanti più attive in febbraio 2012 sono stati i Comuni con 190 gare, -19,8%
rispetto a febbraio 2011, seguiti da Concessionari e Privati sovvenzionati (46 gare, +76,9%),
e Province (38 gare, -9,5%). Al primo posto nella graduatoria per valore risultano le Amministrazioni dello Stato con 9,1 milioni di euro, +565,9% rispetto a febbraio 2011, seguite da Comuni (8,4 milioni di euro, -34,3%) e Concessionari e Privati sovvenzionati (7,7 milioni di euro, -24,2%).
I Comuni rappresentano sono le stazioni appaltanti più attive anche sul periodo dell'intero primo bimestre 2012 con 388 gare, -10,6% rispetto al primo bimestre del 2011, seguiti da concessionari e privati sovvenzionati (69 gare, +21,1%) e Provincie (65 gare,-18,8%). Sempre nel primo bimestre 2012 i comuni sono al primo posto nella graduatoria per valore, con 18,9 milioni di euro, -12,7% rispetto al primo bimestre del 2011, seguiti da Amministrazioni dello Stato (13,7 milioni di euro, +635,9%) e Concessionari e privati sovvenzionati (9,4 milioni di euro, -56,5%).
«La continua contrazione del mercato pubblico – ha detto il presidente dell'Oice Gabriele Giacobazzi – conferma la tendenza fortemente involutiva della domanda pubblica diretta di ingegneria e architettura, e la crescita degli appalti "misti" di progettazione ed esecuzione non è sufficiente a diminuire la preoccupazione. L'assenza drammatica di risorse per il mercato dei servizi di ingegneria e architettura rischia di bloccare l'intera filiera degli appalti".


© RIPRODUZIONE RISERVATA