Progettazione e Architettura

Villaggio Expo, Cucinella e Zucchi con gli under 35

Paola Pierotti

Cino Zucchi e Mario Cucinella con i giovani vincitori del concorso AAA architetticercasi firmeranno il Villaggio Expo 2015. Gli architetti sono stati individuati dalla società Euromilano guidata da Alessandro Pasquarelli, e la fase di progettazione è ai blocchi di partenza dopo la firma della convenzione tra società proprietaria dell'area e Comune.
Per riconvertire il quartiere di oltre 520mila mq, situato in prossimità del polo fieristico di Rho Pero, saranno costruite entro il 2015 molte opere, tra cui il parco centrale attrezzato – che collegherà via Gallarate con la piazza su cui si assesterà la passerella pedonale verso Expo – e il recupero del fabbricato Cascina Merlata, anche per attività connesse con il grande evento espositivo. Zucchi, Cucinella e i giovani professionisti disegneranno il villaggio secondo le indicazioni dello studio Antonio Citterio Patricia Viel Partners, consulente di Euromilano per la definizione di una sorta di manuale per la progettazione. «Sarà il landmark del quartiere – spiega l'architetto Viel –. Crescerà nella parte più a nord dell'area a contatto con l'insediamento dedicato al terziario e al commerciale. Edifici a pianta centrale che consentiranno di avere affacci interessanti anche per i tagli abitativi più piccoli. Il layout a scacchiera garantirà la massima flessibilità nei piani orizzontali e l'efficienza nei collegamenti verticali». Le linee guida sono state studiate da Euromilano con lo studio Citterio-Viel con l'obiettivo di contenere i costi, ma riservando particolare attenzione al rivestimento delle facciate.
L'area dell'Expo riguarda una superficie di circa 45mila mq, pari a circa il 15% del totale, con edifici di altezza variabile dai 6 ai 17 piani. Per l'intero piano di trasformazione urbana, per le residenze e per altre funzioni, Euromilano ha coinvolto altri studi di progettazione oltre a quelli vincitori del concorso indetto nel 2008, da C+S Associati a Mab arquitectura, ai quali affiderà l'incarico per singoli lotti. L'obiettivo è costruire un quartiere in classe A con standard qualitativi omogenei, dove gli alloggi potranno essere venduti a 2mila euro/mq.


© RIPRODUZIONE RISERVATA