Progettazione e Architettura

Area ferroviaria, bando in arrivo

Massimo Frontera


Dopo le ultime limature al protocollo d'intesa tra Comune, Rfi e Ferrovie concesse, concordate la scorsa settimana, può partire il concorso internazionale di idee sulle aree ferroviarie di Bari Centrale, che il Comune pubblicherà a luglio. L'obiettivo è ambizioso: la trasformazione e valorizzazione di oltre 30 ettari di aree ferroviarie in larga parte dismesse collocate in centro città.
Il bando prevede due fasi. La procedura ristretta, tra dieci proposte, sarà preceduta da una preselezione su curricula. Il concorso chiede di formulare proposte per un masterplan abbinato a uno schema di fattibilità economica. La proposta vincitrice sarà oggetto di una trattativa con i gestori ferroviari. L'esito finale è l'affidamento dell'incarico per la redazione del piano attuativo, che costituirà una variante al piano regolatore comunale.
La selezione avverrà sulla base di un
«dossier di presentazione» in cui i candidati – singoli, società, studi o raggruppamenti – dovranno fornire varie informazioni, tra cui una descrizione sintetica di principali progetti eseguiti sullo stesso tema.
L'aggiudicazione avverrà in base al criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, secondo i seguenti elementi (e relativi punteggi massimi): qualità architettonica (40), inserimento nel contesto urbano (20), fattibilità tecnico-economica (20) e, infine, sostenibilità ambientale (20).
Il montepremi è fissato in 230mila euro. Al vincitore andranno 50mila euro e a ciascuno degli altri nove gruppi selezionati andrà un rimborso spese di 20mila euro. Anche se la qualità architettonica è l'elemento più premiato dal bando, la condizione fondamentale per l'attuazione del piano resta la possibilità di finanziarlo integralmente con i proventi della valorizzazione immobiliare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA