Progettazione e Architettura

Aule al riparo di una corte verde

Un polo scolastico realizzato in tre anni. Nell'Italia dei cantieri infiniti e delle opere incompiute è già un gran risultato. Ma i motivi che fanno della scuola primaria realizzata a Cenate Sotto (Bg), su progetto del trentenne Tomas Ghisellini, vanno oltre la rapidità di esecuzione. L'operazione si segnala innanzittutto per la giovane età del progettista (34 anni) e soprattutto per il fatto che il progetto sia stato scelto con un concorso bandito nel 2008 dal Comune. Una competizione che non è servita a realizzare un opera-simbolo, come spesso si crede debba fare con i concorsi, ma un progetto calibrato sulle esigenze degli utenti – in questo caso gli alunni e gli insegnanti – a costi contenuti. Il complesso scolastico (2.680 mq) è costato 1.170 euro al metro quadrato e l'area su cui sorge la struttura gode di ampi spazi verdi preesistenti, vissuti intensamente dalla comunità, che l'architetto ha voluto mantenere integri il più possibile. È per questo che i nuovi volumi sono collocati al margine della zona verde, quasi a formare una quinta capace di creare un luogo all'aperto protetto e in vista delle colline bergamasche.
Il rapporto con l'ambiente esterno è il cardine attorno al quale ruota l'intero progetto: la volontà è quella di stabilire un dialogo costante tra spazio costruito e spazio verde, fra architettura e paesaggio. Tutte le aule comunicano visivamente con la corte verde, quelle al piano terra in maniera diretta, quelle al primo piano attraverso un ballatoio continuo che consente agli allievi l'osservazione dall'alto. Anche l'illuminazione gioca un ruolo fondamentale: pareti vetrate e slanciati tagli nell'involucro contribuiscono a catalizzare la luce. Interessante, poi, la scelta dei materiali. Vetro, acciaio, laterizio, cemento armato, convivono senza fratture. E poi il colore, usato per creare atmosfere vivaci all'interno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA