Progettazione e Architettura

Fermo, Cspe primo tra le polemiche

Paola Pierotti

Vittoria tra le polemiche per Cspe nel concorso per il nuovo ospedale di Fermo (Ascoli Piceno). La competizione, dotata di un montepremi di 100mila euro per 340 posti letto con un budget di 70 milioni è finita con l'esclusione di nove team sui 14 ammessi alla fase finale. A un anno dalla consegna dei progetti (giugno 2010), la settimana scorsa, la commissione ha aperto le buste e ha annunciato la graduatoria provvisoria, insieme alla decisione di escludere nove raggruppamenti, tra cui molti big internazionali, per violazione dell'anonimato.
La classifica finale si avrà solo al termine delle verifiche sui documenti amministrativi. Intanto, al primo posto figura lo studio fiorentino Cspe, specializzato proprio nella progettazione ospedaliera. A seguire, il team guidato da Studio Manara, poi i tedeschi Pfp e Gmp, e lo studio napoletano Mastellone. Ovviamente la decisione di escludere la maggioranza dei gruppi in gara, tra cui nomi come Altieri, Rpa con Techint, Proger, Steam e Arup, non ha mancato di lasciare strascichi polemici. Anche perché la violazione sarebbe stata riscontrata andando a esaminare le "proprietà" dei file digitali allegati all'offerta tecnica. E tra gli esclusi si fa strada già l'idea del ricorso. «Chiederemo l'accesso agli atti» annuncia Dino Altieri, uno dei partecipanti. «La verifica poteva essere fatta quando sono stati valutati i documenti amministrativi – ha aggiunto Dino Bonadies, Ad di Rpa –. Abbiamo investito molto, non è accettabile sprecare tante risorse».


© RIPRODUZIONE RISERVATA