Progettazione e Architettura

Norme tecniche sulle costruzioni, in vigore dal 12 febbraio le regole applicative

Massimo Frontera

In Gazzetta la super-circolare approvata dal Consiglio superiore dei lavori pubblici il 27 luglio scorso

A circa sette mesi dalla sua approvazione da parte del Consiglio superiore dei lavori pubblici - il 27 luglio scorso in assemblea plenaria - approda in Gazzetta lacircolare applicativa 21 gennaio 2019, n.7 sull'aggiornamento delle Norme tecniche sulle costruzioni. La pubblicazione del documento tecnico arriva a poco meno di un anno di distanza dall'entrata in vigore delle nuove Ntc (operative dal 22 marzo 2018).

L'aggiornamento delle Ntc rappresenta il più avanzato sistema normativo rivolto ai tecnici della progettazione per opere pubbliche e private. Lo strumento applicativo della circolare ha lo scopo di fornire i criteri generali di sicurezza, precisare le azioni da utilizzare nel progetto, definire le caratteristiche dei materiali, trattare gli aspetti attinenti alla sicurezza strutturale di edifici e infrastrutture, nuove e già costruite. La circolare è stata discussa in Consiglio superiore e approvata a maggioranza, a causa del dissenso dei geologi su alcuni aspetti che riguardano le competenze di questa categoria dei professionisti. Come è noto i geologi hanno già promosso un ricorso al Tar sulle Ntc. Nei prossimi giorni, fanno sapere dal consiglio nazionale dei geologi, si discuterà, insieme agli ordini, se impugnare o meno anche il testo della circolare.

La circolare - il cui testo definitivo è stato anticipato da «Edilizia e Territorio» lo scorso 8 febbraio - tratta in maniera articolata e approfondita gli aspetti applicativi che riguardano il calcolo e la progettazione nei singoli seguenti capitoli: Sicurezza e prestazioni attese (C2); Azioni sulle costruzioni (C3); Costruzioni civili e industriali (C4); Ponti (C5); Progettazione geotecnica (C6); Progettazione per azioni sismiche (C7); Costruzioni esistenti (C8); Collaudo statico (C9); Redazione dei progetti esecutivi e delle relazioni di calcolo (C10); Materiali e prodotti a uso strutturale (C11).

Nel capitolo 8, dedicato alle costruzioni esistenti, si forniscono in particolare le indicazioni ai progettisti sulle modalità per ottnere una riduzione del rischio sismico su un'ampia casistica di situazioni, attraverso interventi - tra riparazioni, adeguamenti e miglioramenti - non eccessivamente costosi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA