Progettazione e Architettura

Facciate made in Italy firmate Focchi per la nuova sede di Facebook a Londra

Mau.S.

Il gruppo riminese Focchi chiamato a lavorare sull’headquarter dell’azienda di Mark Zuckerberg dallo studio inglese Bennetts Associates

Si parlerà anche un po’ italiano nel cantiere della nuova sede di Facebook a Londra. Il gruppo Focchi si è aggiudicato la commessa nella zona di King’s Cross per realizzare i futuri rivestimenti esterni del nuovo headquarter dell’azienda fondata da Mark Zuckerberg. Ad annunciare l’acquisizione è la stessa società in una nota.

Il social network americano ha scelto due edifici di 11-21 Canal Reach - il nuovo progetto al quale sta collaborando Focchi - per la sua nuova centrale operativa nel Regno Unito, confermando la fama dell’area di King’s Cross Central come una delle più ambite destinazioni tecnologiche del Paese. «Siamo stati chiamati dallo storico studio di architettura inglese Bennetts Associates per realizzare l’involucro del nuovo headquarter di Facebook» spiega Maurizio Focchi, amministratore delegato dell’azienda riminese.

Innovazione e sostenibilità sono state le parole d'ordine durante la fase di progettazione del nuovo complesso Facebook, sottolinea Focchi: «L’approccio olistico al design ha fatto ottenere al progetto un Breeam rating “Outstanding”. Inoltre, 11-21 Canal Reach si propone di ridurre al minimo le emissioni di CO2 incorporate, puntando così a diventare unico nel genere in tutto il Regno Unito».

L’edificio è concepito come quattro corpi di 11 piani i quali, pur presentando un ingresso indipendente, sono collegati tra loro. Le facciate si snodano in una mezzaluna continua riflettendo la stazione e la natura industriale dell'area, richiamato da una bronzea finitura metallica. La luce diurna viene massimizzata dalle vetrate a tutta altezza e dagli alti soffitti, offrendo ampi e luminosi spazi di lavoro.

«Un ulteriore fattore di innovazione - spiega ancora la società - è dato dalla posizione degli impianti tecnici, che occupano eccezionalmente i piani posteriori ed inferiori dell'edificio.
Il tetto è in questo modo libero di accogliere esclusivamente i giardini e le terrazze, creando un luogo per ricevimenti, riunioni o dal quale è semplicemente possibile godere di una vista mozzafiato sul centro di Londra».

Il gruppo Focchi, specializzato nel design e nella costruzione di involucri per grandi progetti di architettura, in Italia è impegnato nella realizzazione dell’involucro della Torre Libeskind a Milano nel quartiere CityLife, dove ha già completato la Torre Allianz-Isozaki, mentre in Gran Bretagna è coinvolto in oltre dieci cantieri e a New York sta realizzando un nuovo edificio di dieci piani a Coney Island Avenue e terminando Solar Carve Tower, sulla High Line.


© RIPRODUZIONE RISERVATA