Progettazione e Architettura

Architettura dietro i decori natalizi? Può accadere se sotto il fiocco c’è un palazzo

Q.E.T.

A Roma si fa notare il progetto di due studi per decorare e illuminare due grandi edifici

Può esserci un progetto di architettura anche dietro un “semplice” decoro natalizio. Sempre che oggetto di decorazione di un edificio. È quello che insegna quanto sta accadendo a Roma, dove due enormi decori natalizi infiocchettano i palazzi Lafuente e Argonauta di Roma di proprietà Valle Giulia Real Estate.

L'iniziativa è il frutto del lavoro sinergico e della collaborazione tra Thirtyone Design, studio della creativa romana Claudia Campone, e Cool Projects, società di ingegneria specializzata in Projects Management e Building Automation.

Le due opere sono sono composte da grandi fiocchi rossi dotati d'illuminazione interna in modo da essere visibili anche la notte sulle facciate degli edifici. Sul palazzo di Julio Lafuente - progettato nel 1977 dall'architetto spagnolo Julio Lafuente per Esso in collaborazione con l'ingegnere Gaetano Rebecchini e ora sede di aziende - i fiocchi sono su entrambi i lati dell’edificio, sia sull'ingresso principale sia sul lato sud (il primo misura 30 metri per 7, l'altro 10x7), mentre nel giardino antistante si può vedere un enorme rocchetto di nastro rosso con un paio di forbici, come se un gigante le avesse lasciate lì con l'intenzione di tornare a finire la decorazione.

«Per realizzare entrambi i fiocchi sono stati impiegati studi strutturali e complessi calcoli dei venti, oltre a test illuminotecnici. Siamo gratificati di aver dato il nostro contributo per gli aspetti di coordinamento, direzione cantiere e sicurezza», spiega Maurizio La Motta, General Manager di Cool Projects. «I fiocchi, che saranno visibili fino al 15 gennaio, sono due installazioni ambiziose, rese possibili grazie a un importante lavoro di squadra e realizzato insieme anche a Fly In, azienda specializzata in strutture gonfiabili»,conclude Campone.


© RIPRODUZIONE RISERVATA