Progettazione e Architettura

Al via il concorso per curare le ferite delle opere d’arte contemporanea del Parco Sella

Francesca Oddo

Procedura lanciata da Yac. Montepremi 15mila euro. Ultima data utile per iscriversi: 21 gennaio 2019

Yac-Young architects competitions e Arte Sella lanciano “Calamity Atelier”, il concorso di idee per la rigenerazione di uno dei più importanti parchi d'arte a livello internazionale colpito duramente dalla terribile tempesta che lo scorso ottobre si è abbattuta sul territorio italiano, in particolare nel nord est del Paese. Arte Sella è un percorso creativo ed espositivo open air che inizia la sua storia oltre trenta anni fa fra le montagne dell'omonima valle. Gestito da un'associazione di Borgo Valsugana, in Trentino, mira all'incontro fra le manifestazioni dell'arte e quelle della natura. E così, anno dopo anno, il territorio si è popolato di opere realizzate sul luogo da alcuni fra i più significati esponenti dell'arte e dell'architettura contemporanea (fra questi Kengo Kuma, Giuliano Mauri, Tobia Scapa) che, ispirati dal contesto, hanno dato vita a opere spesso concepite con materiali naturali, destinate quindi a nascere, crescere e dissolversi lentamente.

Con la tempesta di circa un mese fa, tuttavia, molte di queste opere sono state distrutte o danneggiate prima del tempo. Oggi più che mai, quindi, Arte Sella necessita di creatività e progettualità: per questo il concorso mira alla realizzazione di un sistema di atelier e opere architettoniche orientate a facilitare il ritorno di artisti e visitatori. «Che dimore costruire per illustri artisti e geni creativi? Come facilitare, attraverso l'architettura, il ritorno a luoghi duramente colpiti da una catastrofe naturale?»: sono questi gli interrogativi posti dal concorso, organizzato per contribuire alla ricostruzione di un luogo nel quale proprio la natura -capace anche di generare bellezza e armonia- è stata la principale fonte di ispirazione per la nascita di Arte Sella.

Il montepremi è di 15mila euro e il primo premio è di 8 mila. In giuria, fra gli altri, Sou Fujimoto (Sou Fujimoto Architects), Patrick Lüth (Snøhetta), Michele De Lucchi (aMDL Michele De Lucchi Studio). Diverse sono le tempistiche di iscrizione: entro il 23 dicembre 2018 (iscrizioni “early bird”), fra il 24 dicembre 2018 e il 20 gennaio 2019 (iscrizioni “standard”), fra il 21 gennaio e il 17 febbraio (iscrizioni “late”). Il termine per la consegna degli elaborati è uguale per tutti ed è fissato per il 20 febbraio 2019.


© RIPRODUZIONE RISERVATA