Progettazione e Architettura

All'architettura rispettosa dello studio caravatti_caravatti il Premio architetto italiano

M.Fr.

A Elisabetta Gabrielli assegnato il premio giovane talento dell'architettura 2017 per il progetto del Molo di Askim-Goteborg

Lo studio caravatti_caravatti architetti di Emilio e Matteo Caravatti, Chiara Gugliotta, Elena Verrine si è aggiudicato il Premio Architetto Italiano bandito dal consiglio nazionale degli architetti, gli ordini e il Maxxi di Roma. La giuria, presieduta da Andreas Kipar ha premiato lo studio di Monza per la sua architettura «rispettosa non solo dei luoghi, ma anche dei contesti sociali nei quali si inserisce». L'esempio è il progetto Jigiya So' per il centro di riabilitazione psicomotorio realizzato a Katì, nella Repubblica del Mali «dove con poche risorse disponibili è stata realizzata una architettura essenziale, capace di dare forma ad una funzione nobile come quella del centro». A Elisabetta Gabrielli è andato il "premio giovane talento dell'architettura 2017" per il progetto del Molo di Askim-Goteborg, in Svezia. Menzione speciale assegnata a Cino Zucchi «quale grande interprete dell'architettura del novecento italiano».

Leggi anche: MATERIALI E IMPRESE LOCALI PER IL NUOVO CENTRO RIABILITATIVO FIRMATO IN MALI DA EMILIO E MATTEO CARAVATTI


© RIPRODUZIONE RISERVATA