Progettazione e Architettura

Prato, Venerosi Pesciolini (Archiloop) vince il concorso per la scuola Bruni e la biblioteca decentrata

Alessandro Lerbini

«Un impianto estremamente chiaro dal punto di vista funzionale, e una buona organicità degli spazi risolti anche nella fattibilità in lotti successivi». Con questa motivazione la giuria ha assegnato all'architetto Jacopo Venerosi Pesciolini (Archiloop studio associato - Firenze) il concorso del Comune di Prato per l'ampliamento della scuola primaria Antonio Bruni e per la biblioteca decentrata del quartiere Casale.

Il bando era stato inviato ad alcuni operatori selezionati con un precedente avvisoper la manifestazione d'interesse per l'affidamento di incarichi professionali per le scuole con incarichi tra 40mila e 150mila euro).

Il progetto proposto prevede la realizzazione, con la relativa fattibilità in due separati lotti, della nuova biblioteca e spazio ludico motorio a servizio della scuola e del quartiere e l'ampliamento della struttura educativa con l'introduzione di una nuova sezione di 5 classi e la mensa. Il tutto deve essere integrato e collegato con la struttura esistente, il sistema del verde, il nuovo parcheggio lato sud, con modificazione dell'accesso principale per gli alunni e il personale docente.
I vincoli fisici presenti nell'area, le richieste dimensionali e gestionali della pubblica amministrazione hanno dato input a ricercare strategie progettuali che tendessero a ottimizzare gli spazi con un'attenzione particolare alla qualità architettonica, all'innovazione e ai materiali.

L'impianto tipologico scelto prevede una struttura a padiglioni, collegati da un "Cuore Verde" centrale che diverrà, nel progetto definitivo, il nuovo accesso principale al complesso educativo. Tale fulcro rappresenta nell'immaginario il "Chiostro" per le passeggiate peripatetiche degli alunni con gli educatori, uno spazio per il confronto e l'incontro, per l'allestimento di esposizioni temporanee dei lavori dei bambini, ma anche uno spazio di sensibilizzazione al tema ambientale. La scelta di un utilizzo limitato di materiali che si propongono in tutto il complesso concorre a dare riconoscibilità all'intervento, integrandolo completamente nel contesto.

Il primo lotto
Collegata alla struttura esistente verrà realizzata una biblioteca a servizio della scuola e di tutta la frazione, oltre a uno spazio multidisciplinare e aree a verde. Il primo lotto è già incluso nel piano annuale delle opere pubbliche ed è già interamente finanziato per un totale di 620mila euro. I lavori comprendono uno spazio di 200 metri quadri per le attività ludico-motorie, e la biblioteca decentrata di quartiere, di circa 250 mq, oltre alle sistemazioni a verde e un'area a parcheggio disposta sul lato sud rispetto all'attuale accesso da via Bruni. Il progetto ha valorizzato l'uso della luce naturale con grandi vetrate, che possono essere aperte creando uno spazio unico tra interno ed esterno.
Il materiale privilegiato è il legno e particolare attenzione è stata data all'efficientamento energetico, anche con la realizzazione di una pensilina esterna coperta da pannelli fotovoltaici. Tra la biblioteca e la scuola già esistente si crea un'area verde, valorizzando gli alberi già esistenti e creando così uno spazio gioco a dimensione dei bambini. La biblioteca verrà utilizzata da tutti i cittadini e, anche per la sua ubicazione, riveste il ruolo di contatto tra le frazioni di Casale, Iolo e Tobbiana.

Il secondo lotto
Il progetto di ampliamento della scuola di Casale prevede una nuova colonna di 5 classi con relativi servizi, laboratori e una nuova mensa.
Il Padiglione delle Nuove sezioni prevede un impianto distributivo rettangolare con gli accessi alle aule e agli spazi della didattica integrativa e interciclo da un corridoio centrale, caratterizzato da armadiature e pannellature per appendere i disegni e i cartelloni delle classi che lo renderanno vivo e accogliente, oltre al cono di luce naturale che si propaga longitudinalmente da un fronte all'altro della struttura.
Il Padiglione della Mensa è dimensionato per accogliere due turni di refezione e presenta uno spazio esterno protetto da un grande pergolato nel quale potranno essere allestiti spazi, con vista sulla zona dedicata all'orto e alla floricultura, per mangiare all'aperto durante le stagioni temperate o per consumare la merenda durante la ricreazione.

Lo spazio esterno intorno ai padiglioni è organizzato in cortili-giardino che ospiteranno le attività ludiche nella ricreazione, ma anche le attività didattiche. Il progetto prevede anche la realizzazione di un piccolo teatro all'aperto, che potrà essere utilizzato sia durante l'orario scolastico sia la sera.
Le quote dei nuovi edifici saranno studiate in modo da garantire un rapporto diretto fra interno ed esterno senza la presenza di scale o rampe, questo per perseguire una proposta didattica in continuum fra esperienze tradizionali e attività educative all'aperto.

I tempi
Entro dicembre verranno completati i progetti definitivi ed esecutivi. L'appalto sarà affidato a inizio 2018 e la consegna dei lavori finiti è prevista per la primavera 2019. Durante i lavori l'attività scolastica resterà invariata: una delle richieste del bando, infatti, è stata la capacità di realizzare l'opera senza interferire con il lavoro scolastico.

Il gruppo di lavoro
Capogruppo:
Arch. Jacopo Venerosi Pesciolini
Archiloop studio associato
Piazzale Donatello 28 - Firenze
www.archiloop.it

Progettazione Architettonica e Paesaggistica, Direzione Lavorazioni generale,
Coordinamento generale:
archiloop studio associato di Arch. Jacopo Venerosi Pesciolini, Arch. Claudia Remisceg, Ing. Federica Barni, Arch. Ernesto Bartolini, Arch. Arianna Pieri

Progettazione Strutturale e Direzione Operativa strutture:
Tre Erre Ingegneria S.r.l.
Ing. Roberto Scotta

Progettazione Impiantistica e Direzione Operativa Impianti:

Ing. Giuliano Carotti

Sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione
W.S. Ingegneria e Consulenza
Ing. Claudia Lombardi

Geologia

Dott. Luigi Paoli

Giovane Professionista

Ing. Lorenzo Barni

Consulenti e collaboratori

Dott.ssa Marta Eva Maria Sanesi – consulente pedagogico
Ing. Fabio Miniati – consulente acustica
Ing. Alessio D'Amore – consulente antincendio
Emanuele Tucci


© RIPRODUZIONE RISERVATA