Progettazione e Architettura

Genova, dopo il flop del concorso Blueprint la città si consola con i 443 progetti

Q.E.T.

Inaugurata ieri la mostra con tutti i progetti. Il sindaco Doria: il testimone ora passa alla nuova amministrazione

Settantasei proposte, realizzate da 443 progettisti, di cui 86 stranieri: sono i numeri della mostra "76 progetti per un Blueprint", che è stata inaugurata ieri a Genova, a Palazzo Rosso, con le tavole degli studi di tutti gli architetti che hanno partecipato alla Blueprint competition (conclusasi senza vincitori), il concorso di idee per ridisegnare un pezzo del waterfront di Genova, quello delle aree dell'ex fiera. Progetti presentati nell'ambito del masterplan regalato da Renzo Piano alla città che traccia le linee del nuovo affaccio a mare proseguendo dal porto antico fino all'ex quartiere fieristico.

«C'è un denominatore comune fra tutti i progetti - ha spiegato il sindaco Marco Doria all'inaugurazione della mostra che durerà fino al 4 maggio -: quest'area (di proprietà del Comune e della sua società Spim, ndr) è un vuoto urbano, affacciato sul mare, che si sta degradando. Indipendentemente che a ciascuno possa piacere di più l'una o l'altra, sono tutte proposte per trasformarlo in un pezzo di città». Rimettendo in gioco tutti i progetti, l'amministrazione, a fine mandato, passa idealmente il testimone al futuro sindaco, lasciando in dotazione 28,5 milioni di risorse pubbliche per avviare i lavori
propedeutici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA