Progettazione e Architettura

Schiattarella firma il reparto di Nefrologia e Gastroenterologia pediatrica dell'Umberto I di Roma

Q.E.T.

Tutti gli ambienti sono stati pensati per il bambino e per la sua famiglia, elevando la qualità dell'accoglienza

Su mandato della Onlus Nuova Armonia, fondata nel 1998 per garantire ai pazienti pediatrici la migliore integrazione nelle strutture ospedaliere e un ambiente sereno e confortevole, indispensabile alla riuscita della terapia, e da 30 Ore per la Vita, lo studio romano Schiattarella Associati ha firmato il progetto per la ristrutturazione del reparto di Nefrologia e Gastroenterologia all'interno del Padiglione Pediatria del Policlinico Umberto I di Roma.

Un'attenzione speciale al mondo del bambino, il quale, anche e soprattutto nella dolorosa condizione di "piccolo paziente", deve poter continuare a vivere appieno la sua dimensione. Questa l'idea originaria del progetto, pensato per far sentire il minore protetto in un ambiente nuovo, ma allo stesso tempo familiare, "proprio come a casa".

Tutti gli ambienti sono stati pensati per il bambino e per la sua famiglia, elevando la qualità dell'accoglienza.
Caratteristiche del reparto ristrutturato sono la razionalizzazione degli spazi, l'umanizzazione degli ambienti, la creazione di una sala giochi e di una sala informatica utilizzabili anche dagli insegnanti delle classi materne, elementari e medie che svolgono il loro lavoro all'interno dell'Umberto I; una tecnologia avanzata per il monitoraggio continuo dei pazienti ricoverati, un sistema di cartella clinica elettronica e la funzione di video sorveglianza dei pazienti critici, in aggiunta a un'area altamente tecnologica per l'assistenza intensiva ai bambini trapiantati e in terapia immunosoppressiva.

Uno degli elementi di maggiore qualità della progettazione è la ricerca della luce naturale: si è voluto realizzare uno spazio collettivo sereno, garantendo in ogni ambiente una grande luminosità attraverso le ampie vetrate a tutt'altezza. Grazie a particolari accorgimenti architettonici e tecnici come l'utilizzo di schermature solari, tendaggi interni e l'applicazione sulle vetrate interne ed esterne di disegni su pellicole colorate, abbinate a un moderno impianto di climatizzazione, sono assicurati ottimi livelli di benessere e privacy.

Gli spazi dedicati alle attività ludiche, la sala d'attesa e d'incontro con i visitatori e l'area visite e medicazioni, sono dislocati nella parte iniziale del reparto, più distanti dagli spazi per la cura e il riposo, e immediatamente a contatto col personale sanitario (sala medici e cucina di reparto). Le stanze di degenza sono nove, più una speciale, tutte dotate di proprio bagno per disabili, impianti elettrici, meccanici e trattamento aria, impianto per i gas medicali, impianto audio-video, rete dati, e complete di apparecchi testaletto e arredi sanitari specifici, al fine di creare uno spazio caldo e confortevole dove il bambino possa riposare serenamente.

Ogni stanza è contraddistinta da un colore e da una fiaba, raccontata con disegni e parole sui vetri, in modo da evitare che il bambino e la sua famiglia si disorientino; il colore è ovunque: nei rivestimenti, sulle pareti, sui pavimenti e negli arredi, tutti studiati per essere funzionali agli ambienti per cui sono pensati (gioco, soggiorno, riposo, cura, igiene, ecc).
Tutte le camere si affacciano su un moderno spazio di collegamento, realizzato da pareti in cristallo a tutt'altezza che, grazie alla presenza di un innovativo sistema di luce artificiale realizzato con barre di LED a sistema RGB con cambio colore sia manuale che da remoto, creano uno spettacolare ambiente in cui il bambino può "immergersi" quasi fosse in una vasca colorata. Le sfumature, che possono essere scelte anche secondo i criteri della cromoterapia, possono essere di supporto alla terapia psicologica.

Il reparto di Nefrologia e Gastroenterologia pediatrica, per le soluzioni progettuali adottate, l'utilizzo di materiali e tecnologie estremamente avanzate e il vasto impiego del colore e della luce, rappresenta una eccellenza nel panorama dell'architettura sanitaria italiana. Si distingue, in particolare, per l'attenzione ad ogni singolo dettaglio, pensato per essere di conforto al bambino e di supporto alle famiglie, costrette in un ambiente che è lontano dal focolare domestico ma che si impegna per essere, in ogni suo elemento, caldo, giocoso e familiare.
La ristrutturazione di questo reparto è stata realizzata con fondi raccolti da benefattori e con lo stesso spirito il gruppo di progettazione ha dato il suo apporto tecnico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA