Progettazione e Architettura

Engineering, utile netto di 56,7 milioni per Maire Tecnimont nei primi nove mesi dell'anno

Q.e.t.

I ricavi sono stati di 1.702,2 milioni di euro, in aumento del 52,3%

Risultati positivi nei primi nove mesi per Maire Tecnimont. Il gruppo attivo nell'engineering ha chiuso i conti del periodo gennaio-settembre 2016 con un utile netto consolidato di 56,7 milioni, in miglioramento del 69,1% rispetto allo stesso periodo del 2015. I ricavi sono stati di 1.702,2 milioni di euro, in aumento del 52,3%.

L'incremento dei volumi, si spiega in una nota, riflette l'evoluzione dei progetti nel portafoglio ordini ed è principalmente riconducibile all'avanzamento delle nuove acquisizioni, quando nell'esercizio precedente si registrava invece il raggiungimento di una fase molto avanzata delle principali commesse, non ancora compensata dalle nuove acquisizioni. L'ebitda è pari a 112,8 milioni di euro (+25,2%) e il margine ebitda è al 6,6%, in incremento rispetto al dato medio dei primi due trimestri dell'esercizio corrente (6,5%). L'ebit al 30 settembre è di 108,3 milioni, in aumento del 38,7%.

L'indebitamento finanziario netto è pari a 56,2 milioni, in riduzione di 69,4 milioni rispetto al 31 dicembre 2015, in aggiunta all'avvenuta distribuzione di 14,4 milioni di dividendi e investimenti per un totale di circa 16,3 milioni, comprensivi dell'acquisizione della partecipazione in Siluria Technologies. Il miglioramento è principalmente riconducibile all'incremento delle disponibilità grazie ai flussi espressi dalla gestione operativa. Il saldo al 30 settembre 2016 tiene altresì conto di una componente positiva nel mark to market degli strumenti derivati pari a 8 milioni di euro


© RIPRODUZIONE RISERVATA