Progettazione e Architettura

Restyling all'insegna del mix legno-vetro per l'hotel in val Gardena (assegnato con concorso privato)

Monica Zerboni

Gli autori del progetto sono gli architetti Sara Gasparotto e Paolo De Martin

Risultato di un concorso di idee ad invito, il nuovo Hotel Edenselva a Selva di Val Gardena nasce come ampliamento e riqualificazione di un preesistente albergo situato ai margini del paese, in prossimità delle piste da sci. Vincolante era dunque l'esigenza di creare una struttura che armoniosamente inserita nella natura riproponesse forme e materiali della tradizione locale, se pur reinterpretati in maniera contemporanea.
Il progetto vincitore, degli architetti Sara Gasparotto e Paolo De Martin specializzati in bioarchitettura, è stato realizzato secondo i criteri di sostenibilità ambientale stabiliti dall'agenzia Casa Clima della provincia di Bolzano in materia di complessi alberghieri: basso impatto ambientale, alta efficienza energetica e uso di materiali naturali.
Il nuovo edificio si presenta come un volume di forma regolare, caratterizzato da una struttura lignea nei tre piani superiori e da fronti vetrati racchiusi in una griglia di doghe verticali di legno.

Dice l'architetto De Martin per spiegare le scelte progettuali: " Sulle Alpi tutto è verticale. I pini e le montagne tendono al cielo ed è questo l'unico orizzonte possibile".
Dei boschi e delle vette il nuovo albergo riprende il colore e la materia e li trasforma in strumenti di lavoro. Al piano terra, realizzato in cemento armato, si sovrappongono i tre livelli superiori, leggermente aggettanti e costruiti con una struttura mista in legno massiccio e leggero, costituita da pareti a telaio con lastre di fibrogesso e con solai e copertura massicci in pannelli X-Lam. La struttura, rinforzata con travi e pilastri in acciaio, è stata dimensionata in modo da consentire in futuro l'aggiunta di un ulteriore piano.
Il tetto è realizzato in legno con pannelli X-Lam a sistema chiuso ed è isolato con copertura in ghiaia a vista. Sulle facciata il sistema frangisole è costituito da doghe verticali in micro lamellare d'abete rosso, materiale con caratteristiche di durezza molto elevata, eccellente stabilità dimensionale e peso limitato. Posizionate a interassi variabili, le lamelle formano un sistema che dona movimento al volume, ne esalta la regolarità e funge da filtro tra artificio e natura, incorniciando le viste e allo stesso tempo schermando gli spazi interni dall'eccessivo irraggiamento.

Internamente il piano terra è riservato alle varie aree comuni: reception, sala colazione, bar, sala giornali, sala camino e area relax. I tre livelli superiori sono occupati dalle camere per gli ospiti, progettate secondo un modello di stanza flessibile e modulare che privilegia la luce naturale e la vista panoramica delle montagne. Al piano interrato si trovano il garage, i locali tecnici e la zona wellness, accessibile direttamente dall'area verde esterna dell'hotel.
In tutti gli ambienti le finiture sono prevalentemente in legno a vista o a intonaco.
«La sostenibilità ambientale dell'Eden Selva non è solo legata al risparmio energetico e all'utilizzo dei materiali locali, ma anche al consumo ridotto di acqua, alle prestazioni acustiche e a una particolare attenzione alle specificità del luogo, compresa la gastronomia», sottolineano i progettisti. Per tutte queste ragioni il 30 settembre scorso è stata conferita all'hotel la certificazione Casa ClimaA come prima struttura della Val Gardena


© RIPRODUZIONE RISERVATA