Progettazione e Architettura

Parte la sperimentazione di «Working», l'app che fa incontrare i progettisti

Giuseppe Latour

E' operativa l'applicazione lanciata dagli ingegneri che aiuta anche a trovare colleghi con i requisiti necessari a partecipare ai bandi

Arriva la app per trovare lavoro, per prenotare una scrivania in coworking e, addirittura, per creare raggruppamenti temporanei tra professionisti. E' l'iniziata ufficialmente la sperimentazione di Working, l'applicazione che punta a favorire la mobilità dei progettisti, facendo incrociare domanda e offerta di lavoro. Ma non solo. Uno speciale algoritmo consentirà ai professionisti di interagire, per trovare colleghi con i requisiti necessari a partecipare ai bandi di progettazione.
II Consiglio nazionale degli ingegneri ha da poco emanato una circolare nella quale racconta che il progetto Working «nasce sulla base delle conclusioni emerse dal Congresso nazionale degli ingegneri del 2013, con l'obiettivo di mettere a sistema azioni e informazioni già presenti nel network degli ordini per quanto concerne l'inserimento occupazionale degli ingegneri a supporto alla loro attività professionale».

Concretamente, si tratta di un software per computer e di una app per smartphone, con funzionalità dedicate al mondo del lavoro. Le prime due funzioni consentono di incrociare domanda e offerta. Gli ingegneri possono inserire le proprie competenze in un archivio pubblico e le aziende, per la loro parte, possono inserire le loro richieste. La prima versione dell'applicazione è stata sviluppata dal Cni, in collaborazione con Page Personnel. Tutti i 106 ordini italiani hanno già un responsabile, con il compito di inserire nella piattaforma le richieste di lavoro.
La terza funzionalità del sistema è quella più innovativa. E punta a incidere sui bandi di progettazione e sui casi nei quali il professionista non ha tutti i requisiti per partecipare a una chiamata. L'applicazione potrà creare dei raggruppamenti temporanei di imprese che mettano insieme diverse competenze. Ai professionisti viene notificata la pubblicazione dei bandi di loro interesse e, contemporaneamente, gli viene recapitata una lista di ingegneri con i requisiti che a loro mancano. In questo modo si potenziano le connessioni tra operatori. L'ultima funzione, infine, è dedicata al coworking, la condivisione di spazi di lavoro. In Italia ci sono già diversi esempi di postazioni organizzate dagli ordini e a disposizione degli iscritti. Succede a Messina, Verona, Cagliari e Torino, tra gli altri. L'applicazione consentirà di gestire questi spazi, verificando in tempo reale la disponibilità di una postazione e prenotandola.

Nei giorni scorsi i referenti degli ordini hanno iniziato a far funzionare il sistema in fase sperimentale. I referenti nominati dagli ordini, infatti, hanno ricevuto il loro documento operativo e la password per accedere al sistema. Al termine del periodo di sperimentazione, apportate le eventuali modifiche e correzioni, la piattaforma sarà presentata ufficialmente. E, a regime, sarà collegata a Certing, il sistema di certificazione delle competenze al quale sta lavorando un altro pezzo del Consiglio nazionale degli ingegneri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA