Progettazione e Architettura

Inarcassa, per aderire all'assistenza sanitaria c'è tempo fino al 29 febbraio

Giuseppe Latour

La cassa degli ingegneri e degli architetti ha definito i costi per la polizza base e quella integrativa a disposizione sia dei professionisti (anche pensionati) sia dei familiari

Coperture sanitarie 2016 per gli iscritti Inarcassa. I piani sanitari garantiti dall'ente di previdenza di architetti e ingegneri si rimettono in moto con il nuovo anno. A disposizione di tutti i professionisti, anche pensionati, ci saranno una polizza base e un'integrazione, entrambe estensibili ai propri familiari. I costi sono stati appena resi noti dalla Cassa. Con un'avvertenza: tutte le scelte andranno effettuate entro i primi due mesi del nuovo anno. Il termine per presentare domanda di copertura scade, infatti, il prossimo 29 febbraio.

La polizza sanitaria è gestita da Rbm salute, insieme a Previmedical: la prima svolge la funzione di compagnia assicurativa, la seconda è partner per la fornitura del servizio sanitario. In sostanza, da un lato c'è la polizza sanitaria base, garantita a tutti gli iscritti e ai pensionati Inarcassa, dedicata ai «Grandi interventi chirurgici e gravi eventi morbosi». Dall'altro c'è il «Piano sanitario integrativo», al quale è possibile accedere sulla base di una convenzione, sottoscritta per il triennio 2015-2017. Per tutte queste prestazioni, le relative prenotazioni e i rimborsi sono a disposizione degli iscritti un sito internet dedicato a Inarcassa e un'applicazione scaricabile su smartphone.

Anche per 2016, allora, si rinnova la scelta: gli iscritti e i pensionati Inarcassa potranno estendere a proprie spese le prestazioni previste dalla polizza base al proprio nucleo familiare. Quindi, coniuge o convivente more uxorio (risultante dallo stato di famiglia) e figli fiscalmente a carico, anche se non conviventi. E, ancora, potranno sottoscrivere la polizza integrativa per sé o anche per i propri familiari.

Per l'estensione della polizza base, la spesa prevista è di 500 euro all'anno: in questo modo sarà possibile coprire i propri familiari, indipendentemente dal numero. Per la polizza integrativa, invece, bisognerà sostenere una spesa di 1.300 euro all'anno, per ogni associato. In caso di estensione ai familiari, bisognerà pagare la relativa copertura, secondo uno sconto progressivo. Il primo componente avrà uno sconto del 15% sul premio base, il secondo del 20% e il terzo del 25 per cento. Nel caso di variazione nella composizione del nucleo assicurato avvenuta nel corso dell'anno, lo sconto non sarà applicato. Per la copertura di gravi invalidità permanenti conseguenti a un infortunio, andranno infine versati 80 euro di premio annuo lordo.

La richiesta delle coperture per il 2016 non potrà essere effettuata in ogni momento, ma dovrà essere inviata on line, tramite la propria area riservata del sito Inarcassa, entro il 29 febbraio 2016, per tutti coloro che erano già iscritti alla fine del 2015. Chi, invece, si iscriverà nel corso del 2016, dovrà inviare la propria richiesta di copertura entro la fine del mese successivo a quello di invio della notifica di iscrizione. In caso di rinnovo da anni precedenti, la copertura viene garantita senza soluzione di continuità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA