Lavori Pubblici

Le prospettive delle delega in Commissione Bilancio: intervista a Claudio Broglia (Pd)

Giuseppe Latour

Sarà un lavoro in due fasi. Prima si darà il via libera al testo base, una volta ricevuti i chiarimenti di Governo e commissione Lavori pubblici sui punti indicati come possibili fonti di pericolo per le casse dello Stato. Poi, si passerà agli emendamenti, che saranno esaminati in una seconda fase. Claudio Broglia, senatore del Partito democratico, spiega come la commissione Bilancio affronterà la riforma appalti.

Partiamo da quello che avete fatto finora…
La commissione ha esaminato il nuovo testo base predisposto dai relatori. Sono stati segnalati alcuni punti al Governo e alla commissione Lavori pubblici, perché ci chiarissero le relative coperture. Tengo a precisare che noi non giudichiamo il merito dei provvedimenti, ma solo gli eventuali riflessi di spesa. Penso alla norma che amplia i poteri dell'Anac.

Avete dato l'ok al testo base?
Ancora no, per adesso lo abbiamo solo incardinato. Stiamo aspettando le risposte ai nostri quesiti. Quando arriveranno potremo dare il via libera al testo base.

Ma c'è ancora pericolo che il parere non sia completamente positivo?
Se le risposte non fossero esaurienti, certamente sì. Potremmo bocciare qualche passaggio del testo base dei relatori.

A quel punto passerete agli emendamenti…
Una volta chiuso il parere sul testo, passeremo al voto degli emendamenti presentati in commissione Lavori pubblici. Certamente, per completare questa fase impiegheremo qualche giorno.

Quindi, il voto dell'ottava commissione resterà bloccato?
Non è detto. Penso che procederemo in maniera coordinata. Mentre noi esaminiamo gli emendamenti, la commissione procederà al voto delle parti già esaminate. Di certo, non si tratta di una cosa che potrà essere esaurita in poche ore dopo il parere sul testo base. Penso che l'esame delle proposte di modifica ci prenderà almeno tutta questa settimana.

Ultimo punto. Il collegato ambientale. Potrà creare problemi alla riforma appalti?
Certamente no. Lo escludo. Il nostro esame si svolge in tempi molto rapidi. Quando si accumulano ritardi nell'esame dei provvedimenti non è mai per colpa nostra. Procederemo all'esame di entrambi i provvedimenti (collegato ambiente e delega appalti) ma nessuno dei due risentirà di rallentamenti particolari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA