Lavori Pubblici

Nuove norme sull'efficienza energetica, Cucinella: «Imprese impreparate»

Massimo Frontera

Anche la Pubblica amministrazione deve strutturarsi per essere in grado di eseguire i controlli sul progetto

Nel progresso e miglioramento del prodotto edilizio il ruolo di controllo della Pa è centrale.
Lo sottolinea Mario Cucinella, architetto bolognese, fondatore dello studio Mcarchitects e progettista da sempre attento ai costi di gestione. Con un esempio Cucinella entra subito sul tema dei controlli: «Su un edificio che stiamo realizzando in Svizzera abbiamo visto che l'amministrazione è venuta a controllare sul cantiere se la realizzazione avveniva secondo il progetto. Ecco, le amministrazioni dovrebbero fare questo: controllare. Invece vedo che c'è una grande ingerenza nel mondo professionale. Si dovrebbe invece entrare nella logica in cui i controlli vengono fatti seriamente».

I controlli sono scarsi sull'aspetto energetico e le sanzioni sono rare.
Non è tanto questione di sanzioni. Il sistema punitivo non funziona. E l'abusivismo lo dimostra. Funziona più il premio: se fai bene ti premio. Un recente rapporto di Legambiente ha fatto le termografie degli edifici in classe A facendo vedere che edifici venduti come classe A sono in realtà inefficienti.

Appunto, mancano i controlli e le norme vengono disattese.
Quello che emerge è che non è tanto la fase di progetto quella debole, quanto la fase della tecnica costruttiva. E se non sono attento a questo, non c'è legge che tenga. Serve un accompagnamento con le misure formative.

Le imprese devono imparare a costruire?
Il tema è concreto: abbiamo obiettivi vicini. Anche attraverso le associazioni, come l'Ance, occorre pensare ad azioni di accompagnamento e di formazione sulla tecnica costruttiva. Le imprese vanno formate e accompagnate.

Da gennaio 2017 la quota di energia da fonte rinnovabile negli edifici dovrà passare al 50% rispetto al 35 attuale. È un traguardo realistico?
L'obiettivo è raggiungibile. Gli incentivi hanno già fatto crescere molto il consumo da fonte rinnovabile. L'edificio deve avere caratteristiche di alta prestazione ma si deve agire anche sulla diminuzione del consumo complessivo, grazie a lampade a led ed elettrodomestici efficienti e regolati per essere utilizzati quando l'energia costa meno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA