Lavori Pubblici

Centrali acquisto, ecco il «bando» Anac per i 35 soggetti aggregatori

Massimo Frontera

L'Autorità anticorruzione ha pubblicato le istruzioni per le centrali acquisti che si candidano a entrare nel "club" dei 35 soggetti aggregatori

Tutto pronto per la selzione dei cosiddetti 35 soggetti agregatori. L'Anac ha diffuso le istruzioni operative per inoltrare le candidature, contenute con la determinazione n. 2 dell'11 febbraio. L'avviso è stato per ora pubblicato sul sito dell'Autorità, ma non siamo ancora al colpo dello start. L'Autorità ha infatti annunciato che sta predisponendo «uno specifico file Excel» che sarà «messo a disposizione sul portale nei prossimi giorni». Solo successivamente la determinazione sarà pubblicata sulla «Gazzetta» ufficiale, facendo scattare il termine di 45 giorni per presentare le istanze.

Chi può partecipare
Gli aspiranti "soggetti aggregatori" devono dichiarare di «svolgere attività di centrale di committenza ai sensi dell'art. 33 del D.Lgs. 163/06 con carattere di stabilità, mediante un'organizzazione dedicata allo svolgimento dell'attività di centrale di committenza, per il soddisfacimento di tutti i fabbisogni di beni e servizi dei relativi enti locali». Le città metropolitane candidate devono essere state istituite «ai sensi della legge 7 aprile 2014 n. 56 e del D.Lgs. 17 settembre 2010 n. 156». Quanto alle «associazioni, unioni e consorzi di enti locali, compresi gli accordi tra gli stessi comuni resi in forma di convenzione per la gestione delle attività» il riferimento normativo è il D.Lgs 18 agosto 2000 n. 267.

Cosa indicare
«Le informazioni richieste - si legge nella delibera - riguardano denominazione e codice fiscale del soggetto che svolge l'attività di centrale di committenza, eventuali variazioni occorse negli anni 2011, 2012, e 2013 (separatamente per ogni anno); sarà necessario inoltre elencare denominazione e codice fiscale ed eventuali variazioni occorse nel periodo 2011-2013 (separatamente per ogni anno) di tutti i singoli soggetti di cui esso si compone. Se non sono occorse variazioni nel periodo di riferimento, le colonne relative agli anni 2011, 2012, 2013 dovranno essere ripetute con le medesime informazioni».

L'invio del modulo telematico
Il file con la candidature deve essere compilato in modalità elettronica e inviato all'indirizzo Pec protocollo@pec.anticorruzione.it . Come già ricordato, il 45 giorni «decorre dal giorno di pubblicazione della determinazione in Gazzetta Ufficiale».

La determinazione Anac n.2/2015


© RIPRODUZIONE RISERVATA