Lavori Pubblici

Aniem: il decreto allontanerà le imprese dalle opere pubbliche

E' stato pubblicato il decreto firmato dal Ministro Padoan attuativo delle nuove disposizioni contenute nella legge di stabilità che prevedono dal primo gennaio di quest'anno, per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate nei confronti della Pubblica Amministrazione, il versamento dell'IVA direttamente allo Stato, mentre alla ditta appaltatrice sarà corrisposto soltanto l'imponibile.

Il Presidente di Aniem, l' Associazione Nazionale delle Imprese Edili Manifatturiere aderente a Confimi Impresa, Dino Piacentini "già nella prima metà di gennaio, come Aniem avevamo segnalato le molte voci critiche del nostro territorio sul provvedimento perché per le imprese che hanno come principale committente la Pubblica Amministrazione si trattava di un ennesimo ostacolo per un settore già in gravi difficoltà: mentre le aziende non riceveranno l'iva sulle commesse, avranno comunque l'IVA in pagamento verso i propri fornitori, con un forte sbilanciamento del flusso di cassa e necessità di far ricorso al credito, il cui accesso è già proibitivo durante l'attuale fase recessiva."

"E' assurdo privare tutti di una importante risorsa di liquidità, per evitare che alcuni di questi evadano, quando si potrebbero facilmente individuare i singoli evasori e sanzionarli direttamente trattenendone il credito" aggiunge il Presidente Piacentini.
Che continua: " secondo l'Aniem, per le imprese che hanno come principale committente la Pubblica Amministrazione si tratta di un ennesimo ostacolo per un settore già in gravi difficoltà perché mentre le aziende non riceveranno l'iva sulle commesse, avranno comunque l'IVA in pagamento verso i propri fornitori, con un forte sbilanciamento del flusso di cassa e necessità di far ricorso al credito, il cui accesso è già proibitivo durante l'attuale fase recessiva".

Aniem ha già espresso tutta la sua contrarietà a questa disposizione e oggi, con eguale fermezza e convinzione si attiverà per le opportune modifiche presso le competenti sedi Istituzionali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA