Lavori Pubblici

Fatture elettroniche, intesa Unioncamere-Italia Digitale: per le Pmi risparmi fino a 2mila euro - La guida

Mila Fiordalisi

Il servizio per le imprese che hanno rapporti di fornitura con la Pa: con un clic si potranno emettere 24 documenti gratuiti all'anno

È online all'indirizzo https://fattura-pa.infocamere.it il servizio di fatturazione elettronica espressamente dedicato alle piccole e medie imprese iscritte alle Camere di commercio che abbiano rapporti di fornitura con le Pubbliche Amministrazioni. Il servizio messo a disposizione dal Sistema Camerale è frutto dell'accordo fra l'Agenzia per l'Italia digitale e Unioncamere e consente di emettere fino a 24 e-fatture gratuite l'anno, pari ad un risparmio per alcune tipologie di aziende, incluse quelle di costruzioni, che può arrivare fino a 2mila euro, stima il Sistema Camerale.

Il nuovo standard elettronico di fatturazione - regolamentato dal Decreto interministeriale del 3 aprile 2013 numero 55 – è entrato in vigore il 6 giugno 2014 e riguarda le fatture verso i ministeri, le Agenzie fiscali e gli Enti previdenziali; il Decreto Irpef 2014 ha successivamente fissato al 31 marzo 2015 la scadenza per tutte le altre Pubbliche Amministrazioni, tra cui anche le Camere di Commercio.
Le piccole e medie imprese, come ad esempio quelle di costruzioni, che hanno rapporti di lavoro con le Pa hanno due strade: adeguare i propri sistemi contabili per emettere direttamente le fatture elettroniche oppure rivolgersi ad intermediari che forniscono strumenti di supporto per la compilazione, trasmissione e conservazione sostitutiva della fattura elettronica prevista dalla legge. Le Camere di Commercio hanno deciso di fare da "ponte" offrendo ai professionisti non solo la possibilità di accedere a contenuti informativi sulla fatturazione elettronica attraverso i siti internet delle sedi locali, ma anche di fornire, sempre online, il servizio che consente la creazione e la completa gestione delle e-fatture. Online anche una sorta di vademecum con le frequently asked questions (https://fattura-pa.infocamere.it/fpmi/resources/faq) dove trovare le risposte alle questioni chiave che riguardano l'adozione della e-fattura.

Il servizio consente - previo riconoscimento del titolare dell'impresa tramite la Carta Nazionale dei Servizi (Cns) – di compilare il documento contabile, individuare la PA destinataria, di immettere la firma digitale per l'autorizzazione del documento, di inviarlo e poter contare sulla relativa conservazione a norma. Le imprese non dotate di Cns o firma digitale possono ottenerli presso la Camera di commercio del proprio territorio, ma anche alle PA (per la Cns) o agli operatori di mercato certificati (per la firma digitale).


© RIPRODUZIONE RISERVATA