Lavori Pubblici

Comuni, dal 6 all'8 novembre a Milano l'assemblea Anci

La rivoluzione nell'architettura istituzionale degli enti locali, con la nascita di città metropolitane, nuove province, unioni di comuni. La riforma della pubblica amministrazione. Le nuove sfide sull'autonomia finanziaria dei comuni, il lavoro, la coesione sociale, la cultura, il welfare, l'ambiente e la tutela del territorio. È in uno dei momenti di maggiore cambiamento del paese, con i comuni nel ruolo di protagonisti, che si colloca la xxxi assemblea nazionale dell'anci, prevista alla fiera milano city da domani all'8 novembre.

«Nel segno dell'italia, i comuni disegnano il cambiamento» non poteva dunque che essere il titolo di quest'appuntamento, che sceglie come sede il capoluogo meneghino, anche in vista di una
ulteriore sfida per il rilancio del paese e dei territori sulla quale l'anci ha puntato con decisione: expo 2015. Ancora una volta, dunque, migliaia di sindaci e amministratori locali si ritroveranno come di consueto nel luogo dedicato al confronto e alla discussione con il governo e con gli attori sociali sul futuro del paese, alla vigilia di importanti e decisivi cambiamenti per tutti i cittadini.
Quest'anno, inoltre, é anche l'anno dell'assemblea congressuale dell'associazione, che si farà carico del rinnovo di tutte le cariche, a partire da quelle del presidente e del consiglio nazionale.

L'assemblea congressuale inaugurerà la tre giorni di milano, nella mattinata di giovedì 6 novembre. Nello stesso giorno, al pomeriggio, é prevista l'apertura dei lavori dell'assemblea, con il saluto dei rappresentanti istituzionali degli enti locali e della regione lombardia, e con l'intervento del presidente del consiglio Matteo Renzi.

La massiccia rappresentanza del governo sarà assicurata anche nei giorni di venerdì 7 e sabato 8 novembre. Insieme ai moltissimi sindaci e ai rappresentanti di regioni e province, i diversi panel di discussione ospiteranno tra gli altri il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Delrio, il ministro degli affari regionali Maria Carmela Lanzetta, il ministro del lavoro Giuliano Poletti, il ministro delle riforme Maria Elena Boschi, il ministro della semplificazione Maria Anna
Madia, il ministro dei beni culturali Dario Franceschini, il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina, il ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi, il viceministro dello sviluppo economico Claudio De Vincenti, il ministro della giustizia Andrea Orlando.

Più di 30 eventi a latere, oltre 100 espositori e circa 5mila presenze di amministratori attese nel corso della tre giorni completano il quadro di un assemblea che, ancora una volta, inaugurerà la ripresa a pieni giri dell'attività politica e istituzionale del paese.

A precedere l'assemblea, oggi sempre a milano, anche la xiv conferenza nazionale dei piccoli comuni e l'viii conferenza delle unioni di comuni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA