Lavori Pubblici

Antimafia: dal 26 novembre nullaosta più veloci, stretta sui micro-cantieri

Mauro Salerno

È stato pubblicato sull'ultima Gazzetta Ufficiale il secondo decreto correttivo del codice antimafia (Dlgs 159/2011) varato dal governo lo scorso 13 ottobre (ultimo giorno utile per l'esercizio della delega)

Entreranno in vigore il 26 novembre le correzioni al codice antimafia mirate a rendere più celeri i tempi delle verifiche sulle imprese, a evitare i controlli su minori e familiari al'estero, ad accendere i fari anche sugli appalti di piccola taglia: dove spesso si annidano i tentativi di infiltrazione della criminalità (come peraltro dimostra l'inchiesta in corso proprio oggi tra Lombardia e Calabria ).

È stato pubblicato sull'ultima Gazzetta Ufficiale il secondo decreto correttivo del codice antimafia (Dlgs 159/2011) varato dal governo lo scorso 13 ottobre (ultimo giorno utile per l'esercizio della delega) dopo un primo e più pesante intervento di modifica varato a fine 2012 (clicca qui per approfondire ). Il nuovo decreto legislativo (Dlgs 153/2014, qui il testo ufficiale ) contiene un mix di misure di semplificazione delle procedure abbinate a una linea più attenta alla sostanza che al rigore formale.

Tra le novità anche la possibilità per le amministrazioni di utilizzare i nullaosta (comunicazione e informativa) per procedimenti diversi da quelli per cui sono stati richiesti, se riguardano gli stessi soggetti. Un modo per rafforzare le white list delle imprese sicuramente al riparo da infiltrazioni, ora facoltative e riservate a nove settori considerati particolarmente a rischio (dalle guardianie al movimento terra, dai noleggi al ciclo del bitume e del cemento). Restano però le criticità legate al mancato avvio della banca dati nazionale unica dell'antimafia: lo strumento deputato a permettere le verifiche in tempo reale e di conseguenza a far decollare anche le «white list». In assenza della banca dati i controlli continueranno ad essere effettuati con gli strumenti tradizionali in mano alle prefetture.

Al nuovo decreto correttivo antimafia Edilizia e Territorio ha dedicato un focus normativo utile ad approfondire tutte le novità sulla materia. Per accedere ai testi notmativi e alle analisi dei nostri esperti è sufficiente cliccare sul link riportato in basso.

FASCICOLO ANTIMAFIA: TUTTE LE NOVITA' PER IMPRESE E PA


© RIPRODUZIONE RISERVATA