Lavori Pubblici

Sblocca Italia, Inu: «Bene ultime modifiche»

L'istituto nazionale di urbanistica (Inu) esprime «soddisfazione» per gli emendamenti al decreto sblocca italia approvati dalla commissione ambiente della Camera. Le modifiche vanno nella direzione suggerita dall'Inu «sia pubblicamente che in occasione dell'audizione nella stessa
commissione». Infatti, «pur rimanendo nel provvedimento la possibilità esplicita di deroghe edilizie, é positivo che ora venga accompagnata da misure che permettono di ottenere risorse per i servizi collettivi e gli spazi pubblici, introducendo finalmente in legge il principio di tassazione della rendita urbana», rileva l'Inu.
Nella direzione indicata dall'Inu vanno, inoltre, «la scelta di eliminare la possibilità di lasciare in carico le opere pubbliche ai privati e di cancellare il permesso di costruire in deroga per la ristrutturazione urbanistica, oltre che l'esame e il voto da parte del consiglio comunale e l'obbligo di pubblicazione per il permesso di costruire convenzionato». Queste ultime misure, in particolare, «garantiscono le decisioni del governo locale per gli interessi generali e la partecipazione cittadina agli assetti progettuali proposti e ai contenuti della convenzione (dove c'é convenzione ci sono opere pubbliche o di interesse collettivo)».
L'inu, quindi, ribadisce per il futuro «l'approccio seguito con lo sblocca italia e la disponibilità alla piena collaborazione con il governo e il parlamento per un efficace miglioramento dei provvedimenti, nell'ottica dell'interesse dei cittadini e dei buoni principi del governo del territorio».
13:48 20-10-14
nnnn


© RIPRODUZIONE RISERVATA