Lavori Pubblici

Antimafia, iter più veloce: il decreto del governo, le novità per imprese e Pa

a cura di M.Salerno, commenti di L.Savelli, R.Mangani, G.Latour

Pronto per la Gazzetta ufficiale il secondo decreto correttivo del codice antimafia (Dlgs 159/2011). Il testo del decreto insieme all'analisi dei nostri esperti

Termini ridotti per i nulla osta alle imprese, stop alle verifiche su minorenni e familiari residenti all'estero, controlli più attenti (quando necessario) sugli appalti di piccola taglia. Sono le principali novità contenute nel secondo decreto correttivo del codice antimafia (il Dlgs 159/2011, già oggetto di una pesante riscrittura a fine 2012) approvato in via definitiva al Governo e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.250 del 27 ottobre 2014, con il numero 153/2014 .

Le misure previste, rileva il Viminale in una nota, «consentiranno di semplificare una serie di oneri amministrativi a carico delle imprese valutabili nell'ordine di 20 milioni di euro; un ulteriore abbattimento dei costi per le imprese, per altri 20 milioni di euro, sarà conseguito con l'attivazione della Banca dati antimafia, il cui regolamento è di prossima adozione».

Con questo fascicolo Edilizia e Territorio dà conto delle principali novità per le imprese e le amministrazioni attraverso i commenti degli esperti, offrendo anche la possibilità di consultare e scaricare il testo del Dlgs varato dal Governo e il testo del Dlgs 159/2011 coordinato con le modifiche apportate da quest'ultimo provvedimento.


TEMPI PIU' STRETTI PER I NULLAOSTA ANTIMAFIA, MA RESTA IL NODO BANCA-DATI (di Laura Savelli)

RAFFORZATE LE WHITE LIST, MA L'ISCRIZIONE AL'ALBO RESTA FACOLTATIVA (di Laura Savelli)

WHITE LIST ANTIMAFIA ANCORA AL PALO (di Giuseppe Latour)

CODICE ANTIMAFIA, IL VADEMECUM DELL'ANAC (di GIuseppe Latour)

IL REBUS APPLICATIVO DEI COMMISSARI ANTICORRUZIONE (di Roberto Mangani)

IL TESTO DEL SECONDO DECRETO CORRETTIVO ANTIMAFIA (DLGS 153/2014)

IL TESTO A FRONTE DEL DLGS 159/2011 MODIFICATO DAL SECONDO CORRETTIVO (a cura di Laura Savelli)


© RIPRODUZIONE RISERVATA