Lavori Pubblici

Silenzio-assenso, Cil, Scia: cosa e come va menzionato negli atti immobiliari

Massimo Ghiloni

Aumentano i compiti dei notai dopo le novità degli ultimi tre anni nella normativa edilizia: manuale operativo del Consiglio nazionale del notariato (all'interno il testo integrale scaricabile)

Il Consiglio nazionale del notariato ha predisposto una guida operativa sulla disciplina nazionale edilizia che tiene conto delle normative emanate negli ultimi 18 mesi, aggiornando uno studio del 2011.
La scenario dei titoli abilitativi può essere così riassunto relativamente all'attività edilizia: totalmente libera; libera previa comunicazione inizio lavori (CIL); soggetta a segnalazione certificata inizio attività (SCIA); soggetta a permesso di costruire e super-DIA.
È appena il caso di ricordare che prima di questo sforzo di "semplificazione", il Testo Unico Edilizia (TUE) D.P.R. N.380/2001 aveva ridotto a due i titoli abilitativi: permesso di costruire e DIA.
La guida operativa 2013 - Studio n. 893-2013/C del consiglio nazionale del notariato analizza nel dettaglio l'intero procedimento urbanistico-edilizio e le differenze tra i diversi titoli abilitativi , offrendo anche utili tabelle di sintesi.
Ma soprattutto è interessante l'analisi dettagliata di come la nuova disciplina impatti sul lavoro dei notai e su come debbano essere registrati atti come Cil, Scia o silenzio-assenso all'interno degli atti di compravendita di immobili.

Clicca qua per leggere il servizio e scaricare la Guida operativa 2013 - Studio n. 893-2013/C del consiglio nazionale del notariato del Notariato


© RIPRODUZIONE RISERVATA