Lavori Pubblici

Pmi in gara con l'avvalimento: così funziona il prestito dei requisiti (focus, testi, sentenze, quesiti)

a cura di M.Salerno, commenti di R.Mangani, P.Conio e L.Leone

Quali devono essere i contenuti minimi del contratto? Cosa succede se l'impresa ausiliaria si trasforma in subappaltatore? Quali sono i requisiti che è possibile prestare? Tutto sull'avvalimento

La sentenza della Corte Ue che ha bocciato la norma nazionale che impediva a una Pmi di far leva su più imprese per partecipare a una gara d'appalto ha riacceso i fari sull'avvalimento: formula di derivazione europea pensata per aumentare la concorrenza agevolando al massimo la partecipazione delle piccole imprese al mercato dei contratti pubblici.

Il via libera della Corte di Lussemburgo al cosiddetto «avvalimento plurimo» è solo l'ultimo degli interventi da parte dei giudici - in questo caso europei - sull'istituto disciplinato dall'articolo 49 del codice dei contratti (Dlgs 163/2006) molto utilizzato anche in Italia, la cui applicazione pratica però non finisce ancora di generare controversie tra stazioni appaltanti e imprese, risolte peraltro in maniera spesso contraddittoria dai giudici amministrativi e dalla stessa Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici.

Quali devono essere i contenuti minimi del contratto di avvalimento? Cosa succede se l'impresa ausiliaria si trasforma in subappaltatore? Quali sono i requisiti che è possibile prestare? Quali sono i vincoli di responsabilità solidale che legano stazione appaltante, aggiudicatario e impresa ausiliaria? Per rispondere a queste e ad altre domande «Edilizia e Territorio» ha realizzato un fascicolo on line dedicato all'avvalimento. Per leggere e scaricare gli approfondimenti curati dai nostri esperti e i testi normativi è sufficiente cliccare sui titoli riportati in basso.

DOPO IL SI' DELLA CORTE UE ALL'AVVALIMENTO PLURIMO, IN BILICO ANCHE GLI ALTRI PALETTI NAZIONALI (di Roberto Mangani)
ALL'IMPRESA CHE PRESTA I REQUISITI NON SI APPLICANO I VINCOLI DEL SUBAPPALTO (di R.M)

CONTRATTO NULLO SENZA INDICAZIONE DETTAGLIATA DEI MEZZI IN PRESTITO (di Paola Conio e Luca Leone)

RESPONSABILITA' SOLIDALE TRA IMPRESA E AZIENDA AUSILIARIA, VINCOLI PRECISI NELLA NUOVA DIRETTIVA UE (di P.C e L.L.)

SUBAPPALTO, PROFESSIONISTI, ESCLUSIONI: L'AVVALIMENTO NELLE RISPOSTE AI QUESITI DEI LETTORI

AVVALIMENTO: L'ARTICOLO 49 DEL DLGS 163/2006

MINISTERO INFRASTRUTTURE: CIRCOLARE 4536/2012
AUTORITA' DI VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI: DETERMINAZIONE N. 2/2012

CORTE UE: SENTENZA C-94/12 DEL 10 OTTOBRE 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA