Lavori Pubblici

Durc validi 120 giorni, l'Inail aggiorna i modelli alle novità del decreto fare

Mauro Salerno

Lo comunica lo stesso istituto, chiarendo che le correzioni apportate si sono rese necessarie per adeguare i documenti alle novità introdotte dal Dl 69/2013

L'Inail aggiorna i modelli relativi al rilascio del Durc. Lo comunica lo stesso istituto, chiarendo che le correzioni apportate si sono rese necessarie per adeguare i documenti alle novità introdotte dal decreto fare (Dl 69/2013, convertito dalla legge 98/2013, vai al nostro dossier ). A fornire i primi chiarimenti sulle novità del Durc è stato il ministero del lavoro con la circolaren. 36 del 6 settembre 2013 (vai al fascicolo on line per approfondire ) ricordata anche dall'Inail


Una delle novità più rilevanti, ricorda l'Inail, riguarda il periodo di validità del Durc che è ora di 120 giorni dall'emissione, per i certificati rilasciati:

a) per i contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (art. 31, comma 5, primo periodo);

b) ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi in materia di lavoro e legislazione sociale e per finanziamenti e sovvenzioni previsti dalla normativa dell'Unione europea, statale e regionale (art. 31, comma 8-ter);

c) per i lavori edili tra soggetti privati, fino al 31 dicembre 2014 (art. 31, comma 8- sexies).

«Con riguardo ai contratti pubblici - si legge nella norta dell'Inaila - , nella circolare ministeriale n. 36/2013 è stato precisato, inoltre, che la validità di 120 giorni dei Durc acquisiti dalle stazioni appaltanti per la verifica della dichiarazione sostitutiva relativa alla sussistenza del requisito di ordine generale previsto dall'art. 38, comma 1, lett. i), del D.Leg. n. 163/20061 decorre dalla data indicata nel certificato di verifica della dichiarazione sostitutiva, anziché dalla data di rilascio».

Nella circolare viene, altresì, precisato che la validità di 120 giorni si applica a tutti i certificati.
«Le nuove disposizioni - continua l'Istituto - hanno stabilito che le stazioni appaltanti pubbliche devono utilizzare il Durc rilasciato per i contratti pubblici in corso di validità e acquisito d'ufficio per la verifica della dichiarazione sostituiva anche per l'aggiudicazione e la stipula del contratto nonché per contratti diversi da quelli per i quali è stato espressamente acquisito».

A questo scopo, si chiarisce nella nota, è stato necessario aggiornare le diciture sui certificati riguardanti il periodo di validità. Tutte le nuove diciture sono riportate nel documento diffuso dall'Inail che è possibile scaricare a questo link .


© RIPRODUZIONE RISERVATA