Lavori Pubblici

Con lo scavo «a basso impatto ambientale» 10 miliardi di investimenti nei cantieri per la banda larga

Massimo Frontera

La conferenza unificata, nella seduta di oggi pomeriggio, ha dato l'ok definitivo al cosiddetto «decreto scavi», che disciplina le regole per lo scavo e la posa della rete a fibra ottica

Via libera al cosiddetto "decreto scavi". Nella seduta convocata nel pomeriggio di giovedì 26 settembre, infatti, la conferenza unificata, ha dato l'ok alla bozza di decreto Sviluppo economico-Infrastrutture sulle regole per la posa delle reti in fibra ottica lungo la rete stradale nazionale e locale. Respinti gli emendamenti al testo proposti dal ministero dello Sviluppo economico e richiesti dalle grandi aziende di telefonia riunite nell'Asstel.

La norma era molto attesa, sia perché consentirà di incrementare l'infrastruttura esistente per la banda larga, sia perché consentirà di liberare investimenti già programmati da da parte delle grandi aziende di telefonia riunite nell'Assotelecomunicazioni-Asstel. L'associazione confindustriale ha anche quantificato l'ordine degli investimenti in un range che si muove tra i 7 e 10 miliardi.

Tutti investimenti che erano condizionati allo sblocco, atteso da lungo tempo, di questo decreto (previsto dal Dl Cresci-Italia dello scorso anno). L'istruttoria tecnica di questo decreto è stata lunga e travagliata fino all'ultimo, con la corsa a emendare il testo fino a pochi minuti prima della sua approvazione.

Il testo approvato dalla conferenza unificata si compone di 13 articoli. Il cuore innovativo è costituito dallo scavo con la tecnologia della mini-trincea, di massimo 20 centimetri di larghezza e 50 di profondità (articolo 8). Rispetto allo scavo tradizionale, ma minitrincea consente uno scavo a più basso impatto ambientale (per la minore dimensione del cantiere) e una maggiore economia (grazie al ciclo completo di scavo-posa e ripristino, assicurato dalle macchine.

L'ARTICOLO INTEGRALE E IL TESTO DEL DECRETO SCAVI APPROVATO DALLA CONFERENZA UNIFICATA


© RIPRODUZIONE RISERVATA