Lavori Pubblici

Validità, efficacia, compensazioni: tutte le novità sul Durc dopo il decreto Fare

a cura di Mauro Salerno con commenti di M. Nesi e G. Latour

Durata estesa a 120 giorni, validità ampliata a più fasi di gara e a più contratti, possibilità di tamponare eventuali irregolarità grazie al preaccertamento con invito in formato elettronico: il punto sul "nuovo" Durc

L'entrata in vigore definitiva del decreto Fare (Dl 69/2013, convertito dalla legge 98/2013, in vigore da poco meno di un mese) ha cambiato volto al certificato che attesta la regolarità contributiva delle imprese. Il Durc, un documento fondamentale per gli operatori interessati a contendersi le gare d'appalto pubbliche, ora vale 120 giorni invece che 90. Seppure importante per semplificare lì'attività di stazioni appaltanti e imprese questa è solo una delle novità introdotte dal decreto. Oltre all'allungamento della validità temporale altre innovazioni hanno riguardato la possibilità di utilizzare uno stesso documento in più fasi del contratto e per la partecipazione a più gare pubbliche.

Nel decreto precisazioni anche sull'obbligo per le Pa di acquisire d'ufficio il Durc senza richiederlo gli operatori, sulla possibilità di compensare debiti contributivi con i crediti vantati nei confronti delle amministrazioni, pubbliche sull'intervento sostitutivo delle stazioni appaltanti.

Sul tema è intervenuto di recente anche il ministero del Lavoro con una circolare che ha chiarito che l'estensione di validità del Durc si applica solo ai certificati emessi dal 21 agosto in poi.

Per leggere e scaricare approfondimenti e testi è sufficiente cliccare sui titoli riportati in basso.

DURC: TUTTE LE NOVITA' DOPO IL DECRETO FARE (di Mirko Nesi)

VALIDI 4 MESI SOLO I DOCUMENTI EMESSI DOPO IL 21 AGOSTO (di Giuseppe Latour)
DL 69/2013: COSA CAMBIA PER IL DURC (IL TESTO)

LA CIRCOLARE 36/2013 DEL MINISTERO DEL LAVORO

COMPENSAZIONI, IL DECRETO DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA (DM 3 MARZO 2013)

SEMPLIFICAZIONI, LA CIRCOLARE 6/2012

LAVORO, LA CIRCOLARE 3/2012


© RIPRODUZIONE RISERVATA