Lavori Pubblici

Dossier reti di impresa, le regole per crescere e partecipare agli appalti

Mauro Salerno

Nel settore delle costruzioni sono già 73 i contratti di rete operativi con ben 430 aziende coinvolte. Un fenomeno dinamico, cui anche le banche ora guardano con estremo favore

Crescere senza perdere autonomia. È possibile con le reti di impresa. Anche nel settore delle costruzioni, dove sono già 73 i contratti di rete operativi con ben 430 aziende coinvolte. Un fenomeno dinamico, cui anche le banche ora guardano con estremo favore. E che dal 2013 permette anche l'accesso al mercato degli appalti pubblici con formazioni di Pmi flessibili e variabili in base alle necessità e ai requisiti del contratto.

Promette di crescere ancora il fenomeno delle reti di impresa. Soprattutto in un comparto dove ogni giorno si contano nuove chiusure e fallimenti, l'esperimento della rete può rappresentare un aiuto, una formula capace di invertire la tendenza negativa di chi si trova ad affrontare da solo la tempesta dl mercato.

Anche per questo motivo, con il dossier di giugno «Edilizia e Territorio» offre norme e approfondimenti utili a chi ha in mente di costituire un network di Pmi per accrescere il valore selle singole realtà aziendali. Insieme alle norme, alle linee guida dell'Autorità per accedere agli appalti e ai chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sul doppio regime fiscale delle reti (rete-soggetto e rete-contratto), il dossier include le analisi degli esperti sugli elementi essenziali del contratto, i criteri per accedere al bonus sugli utili, le istruzioni per partecipare alle gare pubbliche, la voce e l'esperienza di chi ha già messo in comune curriculum, mezzi di impresa e competenze.

Il dossier è liberamente scaricabile per gli abbonati (e acquistabile in copia singola dai non abbonati) accedendo al sito.

CLICCA QUI PER SCARICARE O QUI PER ACQUISTARE IL DOSSIER


© RIPRODUZIONE RISERVATA