Lavori Pubblici

Reti di impresa negli appalti, le istruzioni dell'Authority per partecipare alle gare

M.Fr.

Pubblicata sulla «Gazzetta Ufficiale» n.120 del 24 maggio la determina 23 aprile 2013 con le indicazioni dell'Autorità sui contratti pubblici destinate alle reti di Pmi che intendono partecipare agli appalti pubblici

Dopo la pubblicazione in «Gazzetta» della determina dell'Autorità di vigilanza sui contratti pubblici del 23 aprile 2013 (link ) diventano ufficiali le istruzioni operative indirizzate ai network di Pmi per partecipare agli appalti pubblici, in attuazione delle misure disposte con il decreto sviluppo-bis (Dl 179/2012).

Le nuove regole per le reti di impresa riguardano soprattutto i seguenti punti:

Partecipazione alle gare nel contratto
. La decisione di partecipare alle gare deve essere chiara fin dalla stipula del contratto e «individuata come uno degli scopi strategici inclusi nel programma comune». Per partecipare alle rete tutte le imprese dovranno essere in possesso dei requisiti di odine generale previsti dall'articolo 38 del codice degli appalti .

Rete con rappresentanza comune e senza soggettività giuridica
. L'organo comune, se in possesso dei requisiti di qualificazione, può svolgere il ruolo di mandataria, ma la volontà di partecipare alla gara da parte delle singole imprese aderenti alla rete deve essere confermata dalla sottoscrizione della domanda o dell'offerta.

Rete senza rappresentanza comune. Valgono le regole stabilite dal codice per i raggruppamenti di impresa, con il conferimento del mandato a un'impresa rappresentante.

Rete con organo comune e soggettività giuridica. La domanda di partecipazione presentata dall'organo di rappresentanza comune, assieme alla copia autentica del contratto di rete, vale a impegnare tutte le imprese aderenti network, «salvo diversa indicazione in sede di offerta».

La responsabilità solidale
. La "solidarietà" vale solo per chi partecipa alla gara e non è estesa a tutti i partecipanti al network.

VAI AL TESTO DELLA DETERMINA DELL'AUTORITA' DI VIGILANZA 23 APRILE 2013

VAI ALL'ARTICOLO CHE SPIEGA NEL DETTAGLIO LE NUOVE REGOLE PER LE RETI DI IMPRESA


© RIPRODUZIONE RISERVATA