Lavori Pubblici

Serracchiani (Pd): superare massimo ribasso, aggiudicazioni in diretta streaming

«Oltre dal Patto di stabilità, il completamento delle opere da parte degli Enti Locali é reso problematico anche dal criterio del massimo ribasso nell'affidamento degli appalti che comporta conflitti tra i soggetti, revisione di parti dell'opera, rallentamento dei lavori». Lo ha detto la candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione Debora Serracchiani, oggi a
Pozzuolo del Friuli (Udine) nel corso di un incontro con il sindaco Nicola Turello.
«Tale criterio - ha proseguito Serracchiani - va sostituito dall'offerta economicamente più vantaggiosa, con la revisione delle soglie minime e dei criteri di selezione delle
imprese e degli inviti. Ciò va fatto rispettando dei presupposti, tra cui le norme europee, creando un Osservatorio appalti regionale che controlli l'esecuzione dei lavori dall'inizio
alla fine, e curando la preparazione del personale deputato ai controlli.
Quando si tratta di grandi opere - ha aggiunto - si dovrebbe pensare a dividerle in lotti affinché la partecipazione non sia limitata solo alle grandi imprese. E si tratta di valutare
un sistema più trasparente di attribuzione e offerte, aumentando l'accessibilità anche con la diretta streaming dei lavori delle commissioni d'appalto».

Per Serracchiani «deve cambiare anche il modello del trasferimento delle risorse dalla Regione ai Comuni, privilegiando programmi di scala vasta e integrati, premiando i progetti che si occupano della rigenerazione dell'esistente e della qualità del territorio, dando ascolto alle esigenze degli Enti locali invece che le forme clientelari di destinazione delle risorse finanziarie».


© RIPRODUZIONE RISERVATA