Lavori Pubblici

Architetti, ecco i modelli del Consiglio nazionale per le lettere di incarico

Enrico Milone

Il 20 dicembre 2012 il Consiglio nazionale degli architetti ha approvato tre esempi di contratto per incarico professionale di architettura. Si tratta di materiali predisposti con il contributo degli ordini provinciali (clicca qui per scaricare i documenti ).

La premessa al documento chiarisce che il contratto deve essere per iscritto, nonostante le interpretazioni diverse, che hanno trovato credito recentemente nella legge sulla riforma della professione forense, in palese contrasto con le precedenti leggi, 148/2011 e 27/2012.

Il contratto deve essere scritto anche se la legge non lo precisa, in primo luogo perché i contenuti del contratto sono numerosi e complessi e in secondo luogo perché il decreto sui parametri numero 140 del 22 agosto 2012, che fornisce al giudice le regole in caso di contenzioso, stabilisce che la mancanza della prova di un contratto o di un preventivo di massima e del criterio per calcolarlo costituisce un elemento di valutazione negativa per la liquidazione del compenso professionale. È dunque importante per il professionista redigere un contratto scritto all'atto di conferimento dell'incarico con l'indicazione delle prestazioni e delle voci di costo, comprensivo di spese, oneri e contributi, fornendo anche tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico.

Nel documento del Consiglio nazionale degli architetti viene precisato che gli esempi di contratto hanno scopo indicativo e che non costituiscono opinioni ed atti di indirizzo del Cna. La precisazione è stata fatta per rispettare il principio della legge 27/2012 ( art. 9 comma 4), secondo cui il contratto deve essere deciso liberamente dalle due parti, professionista e committente. Senza imposizioni esterne.

Onorario. Stesso criterio di estraneità del sistema Ordini-Consiglio nazionale alla trattativa sul contratto, viene fatta nel corpo degli schemi di contratto, laddove è attestato che «Il sistema di calcolo del contratto o del preventivo dell'onorario è libero, potranno quindi essere utilizzati, a scelta, i parametri della L. 143/49, quelli del Dm 4/4/2001, le nuove tabelle parametriche del Dm 140/2012, quelli del nuovo decreto in fase di definizione, per stimare i corrispettivi da porre a base di gara, nei lavori pubblici, tariffa oraria, altri criteri personalizzati, purché il cliente ne sia stato preventivamente reso edotto, sottoscrivendo il preventivo sommario».

Diritto d'autore. Una osservazione occorre fare all'articolo sul diritto d'autore, per non essere stato chiarito che con il pagamento del compenso, il progettista perde ogni diritto allo sfruttamento economico del progetto, ma resta titolare del diritto morale, cioè del riconoscimento della paternità dell'opera.

Consigli di disciplina. Il Bollettino ufficiale del Ministero della Giustizia n.23 del 15 dicembre 2012 ha pubblicato il nuovo Regolamento per i Consigli di disciplina degli Ordini degli architetti. Il regolamento è in esecuzione dell'art.8 comma 3 del Dpr 7 agosto 2012 sulla riforma delle professioni. e dell'art.3 comma 5 della legge 148 del 14 settembre 2011. L'aspetto più importante del nuovo sistema è che i procedimenti disciplinari a carico degli iscritti all'Ordine non vengono più svolti dal Consiglio dell'Ordine eletto, ma dal Consiglio di disciplina. Questo viene nominato dal Tribunale scegliendo su una rosa di nominativi proposta dal Consiglio dell'ordine. La carica di componente del Consiglio dell'ordine non è compatibile con quella di componente del Consiglio di disciplina. Altro punto innovativo è che anche un non iscritto all'Ordine può far parte del Consiglio di disciplina. Spetta al Consiglio dell'Ordine decidere l'immissione o meno di membri esterni, in misura non superiore ad un terzo dei componenti.

La procedura per la nomina del Consiglio di disciplina deve essere attivata immediatamente dopo la prossima elezione per il rinnovo del Consiglio dell'Ordine. Che, per molti Ordini tra i quali quello di Roma, avrà luogo a fine anno 2013.


© RIPRODUZIONE RISERVATA