in gazzetta

Con il decreto enti locali arriva la stretta sui «lavori urgenti» dei Comuni

Pubblicata la legge di conversione del decreto 174/2012. Non basta più l'ok a posteriori della Giunta. Il provvedimento di spesa deve ottenere anche il placet del Consiglio Comunale
Accedi a My

Arriva al traguardo la legge di conversione del decreto sugli enti locali (Dl 174/2012). La settimana scorsa il provvedimento ha ottenuto il via libera decisivo, sulla base di un maxiemendamento presentato dal Governo e approvato con voto di fiducia. Nel fine settimana è arrivata la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, in modo da rispettare il termine per la conversione in legge del provvedimento che scadeva il 9 dicembre. La legge di conversione del decreto (legge 213/2012), è stata pubblicata sulla Gazzetta numero 286/2012 (supplemento ordinario n. 206, clicca qui per scaricare la legge, con il testo coordinato del decreto legge 174/2012)

In tema di cantieri, il decreto introduce un giro di vite sulla deliberazione dei lavori urgenti dei Comuni. In sintesi non basterà più ordinare i lavori da regolarizzare entro 30 giorni. La nuova procedura – delineata sostituendo il comma 3 dell'articolo 191 del Dlgs 267/2000 – prevede infatti che i lavori di somma urgenza debbano essere regolarizzati dalla Giunta «su proposta del responsabile del procedimento» entro il termine di 20 giorni (ora raddoppiato rispetto ai 10 previsti dal Dl 174/2012, pubblicato in «Gazzetta» lo scorso 10 ottobre) con un provvedimento di spesa sottoposto al Consiglio comunale. Oltre al raddoppio del termine per la regolarizzazione della spesa, l'altra modifica rispetto al testo del decreto legge pubblicato a ottobre riguarda la precisazione che l'attivazione della nuova procedura avviene «qualora i fondi specificamente previsti in bilancio si dimostrino insufficienti». Il provvedimento di riconoscimento della spesa deve essere approvato in Consiglio entro 30 giorni dalla proposta della Giunta.

Le altre novità riguardano i lavori post terremoto in Emilia Romagna. La norma si innesta sul decreto terremoto 74/2012. Questo fissava una procedura semplificata per la gestione delle terre e rocce da scavo, ma non poteva tenere conto della disciplina varata dal Dm 161/2012: il primo provvedimento infatti è datato giugno, il secondo agosto. Per questo, il testo appena votato mette ordine nella materia e stabilisce che nelle aree colpite dal sisma non si applicheranno le nuove norme, che prevedono un regime particolarmente complesso per il trattamento delle terre come sottoprodotto.

Ancora l'articolo 11 precisa che i contratti stipulati dai privati, anche se beneficiari di contributi pubblici, non dovranno sottostare alle regole del codice appalti. Restano i controlli antimafia, con l'istituzione di white list presso le prefetture. Per realizzare i lavori di ricostruzione, anche nell'ambito di subcontratti, le imprese operanti in settori considerati a rischio infiltrazione (dai noleggi al movimento terra) dovranno «comprovare quantomeno l'avvenuta presentazione della domanda di iscrizione» negli elenchi tenuti dalle prefetture

Commenta la notizia

Dossier on line

Il soccorso istruttorio alla prova dei giudici

Evitare i cartellini rossi in gara dovuti a motivi esclusivamente formali, come la dimenticanza o l'incompletezza di una dichiarazione. E di conseguenza ridurre l'enorme contenzioso negli appalti. Era l'obiettivo alla base del nuovo soccorso istruttorio introdotto nel codice dal decreto legge 90/2014 ad agosto 2014. L'effetto è stato opposto. La possibilità di sanare le irregolarità formali pagando una sanzione ha prodotto una serie di difficoltà applicative che hanno mandato in tilt gli uffici gara di mezza Italia. Generando nuovi ricorsi. In questo dossier imprese e amministrazioni possono trovare una guida operativa all'applicazione delle nuove misure. Con l'approfondimento delle interpretazioni fornite dall'Anac, l'analisi delle normative europee e soprattutto il commento e i testi delle prime sentenze pronunciate dai Tar per dare soluzione ai casi concreti.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Edilizia e Territorio risponde

Abbonandoti potrai inviare quesiti ai nostri esperti e consultare l'archivio delle risposte

IN EVIDENZA: Speciale Appalti

Dodici provvedimenti in nove mesi per riscrivere il codice.

Manda il tuo quesito sulle novita' della riforma

Ultimi quesiti

immobile ad uso attività agricola

autorizzazione paesaggistica

Vedi tutti i quesiti »

Regioni

In Sardegna restyling al piano casa, niente ampliamenti nelle zone turistiche

Norme valide fino al 31 dicembre 2016. Premio del 40% solo se si ricostruisce l'abitazione oltre 300 metri dalla riva del mare