Lavori Pubblici

No ai condannati nelle commissioni giudicatrici. Risoluzione del contratto, entrano nuovi reati

Mauro Salerno

Le misure anticorruzione comportano novità anche nella composizione delle commissioni giudicatrici, includendo nuovi profili di incompatibilità legati ai reati eventualmente commessi dai possibili candidati a occupare un posto nel collegio chiamato a determinare l'assegnazione di un appalto. Novità anche per i motivi di risoluzione del contratto con l'ennedsima modifica al Codice degli appalti, mirata ad estendere il novero dei reati commessi che comportano la rescissione del contratto per condanna dell'appaltatore con sentenza passata in giudicato. Commissioni giudicatrici. La ...


Quotidiano Edilizia e Territorio – Il Sole 24 Ore

Il Quotidiano Edilizia e Territorio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità dell'edilizia, degli appalti, delle infrastrutture, della progettazione architettonica e dell'urbanistica. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito quattro settimane di consultazione gratuita*

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei giĆ  in possesso di username e password?