Lavori Pubblici

Illegittimi i bandi che «confondono» consulenza e progettazione

Giuseppe Latour

Non confondere la consulenza con la progettazione. L'Autorità di vigilanza sui contratti pubblici ha appena pubblicato la delibera n. 80 del primo agosto 2012 (clicca qui per scaricare il testo ), nella quale ribadisce un principio già affermato in alcune vecchie pronunce: non si può qualificare come consulenza un'attività di progettazione da affidare con gara pubblica e il progettista non può essere affiancato da un consulente, che di fatto svolga attività di progettazione, scelto mediante gara.

La questione posta all'attenzione dell'Autorità riguarda l'affidamento di servizi di consulenza specialistica di supporto all'ufficio tecnico «relativi a lavori di riconversione irrigua e sistemazione idraulica affidati nel 2011 dal Consorzio generale di bonifica del bacino inferiore del Volturno».
Nel bando in analisi c'erano delle evidenti anomalie. Qui si leggeva che la gara riguardava «la redazione di un progetto definitivo delle opere civili e di distribuzione irrigua a servizio dei territori nei tenimenti del Comune di San Tammaro». Insomma, non si parlava di consulenza ma di servizi di progettazione.

Addirittura, tra le attività da svolgere veniva indicato «l'approfondimento progettuale per i lavori di realizzazione di una vasca di accumulo», «la definizione di soluzioni progettuali efficaci in relazione all'articolazione delle fasi di esecuzione della nuova Vasca», «lo sviluppo progettuale delle opere elettromeccaniche ed impiantistiche a servizio della nuova Vasca di accumulo».

L'Autorità, per questo, ribadisce che la «consulenza» di ausilio alla progettazione di opere pubbliche nel quadro normativo nazionale non è contemplata. «Ciò – si legge nella delibera - discende dal principio generale in base al quale la responsabilità della progettazione deve potersi ricondurre ad un unico centro decisionale, ossia il progettista».

Quindi, conclude l'Authority «il bando di gara, qualificato come un affidamento di servizi di consulenza specialistica e avente ad oggetto anche servizi di progettazione, non è conforme al Dlgs 163/2006».


© RIPRODUZIONE RISERVATA