Lavori Pubblici

Società tra professionisti, Palazzo Spada non chiude al socio-investitore presente in più società

Mauro Salerno

Rafforzare il diritto di informazione ai clienti, circoscrivere i requisiti di moralità e onorabilità richiesti ai soci di capitale, chiarire meglio le conseguenze disciplinari in caso di accertata incompatibilità dei soci e il regime di responsabilità delle società multidisciplinari.

Sono alcuni dei rilievi sollevati dal Consiglio di Stato nel parere al decreto sulle società tra professionisti (Stp). Il punto cruciale del parere di Palazzo Spada riguarda però la partecipazione dei soci di investimento alle Stp.

Le valutazioni contenute nel documento (parere n. 3127/2012, relatore Marco Lipari), sembrano infatti aprire dei varchi alla possibilità che, al contrario di quanto previsto per i professionisti, i soci di capitale possano partecipare anche a più di una società professionale. Un punto molto delicato soprattutto agli occhi di architetti e ingegneri, che temono il rischio di una "colonizzazione" del settore da parte di imprese e soggetti forti dal punto di vista economico.

Sulla questione il Consiglio di Stato rileva che la «specifica previsione di una particolare limitazione riguardante i requisiti dei soci di investimento lascia impregiudicata la questione relativa alla portata applicativa della incompatibilità prevista dall'articolo 10, comma 6, della norma legislativa (la legge 183/2011, ndr)».

Secondo Palazzo Spada l'affermazione contenuta nella legge non basterebbe a dare un indirizzo preciso sull'estensione ai soci di investimento dell'incompatibilità prevista fin dall'inizio per i soci professionisti. La legge, si legge nel parere, «si limita ad affermare genericamente che "la partecipazione ad una società è incompatibile con la partecipazione ad altra società tra professionisti"». E anche i giudici di Palazzo Spada non prendono posizione sull'argomento limitandosi a riportare le valutazioni contenute nella relazione illustrativa allo schema di decreto secondo cui «la fonte regolamentare lascia all'interprete l'opzione circa la possibilità o meno di ritenere che la norma primaria sia idonea a introdurre un'incompatibilità di partecipazione a più società tra professionisti estesa a tutti i soci (anche capitalisti) ovvero se detta limitazione si riferibile ai soli soci dei professionisti». Insomma, il punto sembrerebbe ancora da chiarire, come molte altre questioni affrontate nel decreto.

In merito ai diritti del cliente il Consiglio di Stato chiede di sottolineare meglio il diritto del cliente di chiedere che la prestazione professionale sia eseguita da un professionista di sua fiducia. Per sgombrare il campo da possibili conflitti di interesse Palazzo Spada ritiene anche «opportuno prevedere che la società professionale debba consegnare al cliente l'elenco scritto non solo dei soci professionisti, ma anche dei soci di investimento».

Anche sui requisiti dei soci di investimento Palazzo Spada chiede delle correzioni. L'incompatibilità legata al fatto di non avere riportato condanne definitive è giudicata troppo ampia e indeterminata. Inoltre, «per evitare incertezze applicative» i giudici suggeriscono di specificare «quale incidenza possano assumere vicende quali l'estinzione del reato o l'avvenuta riabilitazione».

L'ultimo punto riguarda la responsabilità delle società multidisciplinari, in cui architetti e ingegneri possono trovarsi a offrire le proprie prestazioni a fianco, per esempio, di avvocati e commercialisti. Anche per queste società il regolamento prevede l'obbligo di iscrizione a un albo e il rispetto delle sue norme deontologiche. L'obbligo è però limitato soltanto all'attività professionale giudicata «prevalente». Un vincolo troppo labile per il Consiglio di Stato, secondo cui sarebbe invece «opportuno prevedere anche l'applicazione delle particolari regole deontologiche correlate ai settori delle specifiche attività, quanto meno nei casi in cui la violazione commessa dal singolo professionista rappresenti l'esecuzione di indirizzi manifestati dalla società».


© RIPRODUZIONE RISERVATA