Lavori Pubblici

Scoppia il nodo arbitrati alla Camera

Scoppia il nodo arbitrati alla Camera. Ieri, infatti, spiegano fonti parlamentari, è stato approvato un emendamento che esclude i magistrati dagli arbitrati ma, a questo punto, è in corso una discussione tecnica all'interno del comitato dei 18 e con gli uffici per la norma transitoria che dovrà regolare gli arbitraggi in corso nei quali sono impegnati i magistrati.

Sempre su questo tema, però, il vero nodo è relativo a un emendamento presentato dal Pd per il divieto degli arbitrati nella pubblica amministrazione che i democratici hanno poi ritirato ma è stato fatto proprio dall'Idv. Sul testo c'è la contrarietà del governo. A questo punto la materia è stata accantonata e verrà affrontata di nuovo all'articolo 10. Nel frattempo si studia una riformulazione. «Stiamo lavorando a una riformulazione - sottolinea il deputato del Pd componente della commissione Affari Costituzionali Oriano Giovanelli - perchè se si arriva a votare l'emendamento che Di Pietro ha fatto proprio noi lo votiamo, era il nostro, per mantenere l'equilibrio di governo, quindi, stiamo lavorando a una riformulazione».

Tra l'altro, sottolinea la relatrice Jole Santelli (Pdl), «una parte di noi è d'accordo sulla necessità di evitare abusi, ma dall'altro lato non si può bloccare qualsiasi procedura stragiudiziale. Bisogna trovare una formulazione appropriata o rischiamo di pasticciare una materia "pesante"».


© RIPRODUZIONE RISERVATA