Lavori Pubblici

Macchine da cantiere, 37 società autorizzate alla verifica periodica

G.La.

Il Ministero del Lavoro ha pubblicato un primo elenco di soggetti abilitati a effettuare i controlli periodici previsti dal Testo unico sulla sicurezza. Novità molto attesa dagli operatori spesso costretti a tenere ferme le attrezzature in attesa dei controlli delle Asl. Per adesso si tratta principalmente di società con sede al Nord

Il ministero del Lavoro pubblica il decreto dirigenziale del 21 maggio 2012 e individua un primo gruppo di 37 soggetti, in tutta Italia, abilitati ad effettuare le verifiche periodiche sulle macchine da cantiere, ai sensi del Testo unico sulla sicurezza. Per adesso si tratta principalmente di società del Nord Italia: 24, infatti, si dividono tra Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Veneto e Liguria.

Il documento richiama il decreto 11 aprile 2011 del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, che disciplinava appunto la modalità di composizione dell'elenco dei soggetti abilitati ad effettuare le verifiche periodiche. Questi, secondo quanto stabilisce il Testo unico sicurezza, potranno in sostanza effettuare le verifiche alle macchine, in mancanza di Inail e Asl.

Si tratta di una novità normativa molto attesa dagli utilizzatori di apparecchi da cantiere, costretti in passato molto spesso a tenere ferme le loro macchine perché le Asl risultavano spesso oberate di lavoro, al punto da non poter rispondere alla richiesta di intervento. Così il Dlgs n. 81 del 2008 è intervenuto e ha aperto il mercato dei verificatori privati. Che, in sostanza, potranno metterci una pezza laddove le strutture pubbliche non possono arrivare. Velocizzando di molto i tempi per le imprese.

L'elenco (clicca qui per scaricare la lista completa ) individua così un primo plotoncino di enti che sono riusciti ad ottenere l'abilitazione. Si tratta di 37 società, quasi tutte al nord. Guardando alla ragione sociale, infatti, sette sono in Lombardia e in Piemonte, cinque in Emilia Romagna, tre in Toscana, una in Veneto e una in Liguria. Al sud si segnala soprattutto la Campania con quattro abilitazioni. Avranno la possibilità di verificare gli apparecchi di sollevamento materiali, quelli di sollevamento persone e tutte le macchine a gas e a vapore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA