Lavori Pubblici

Autorità, ecco le prime indicazioni per calcolare l'importo degli incarichi dopo l'addio alle tariffe professionali

Giuseppe Latour

I compensi corrisposti ai progettisti negli ultimi anni, rapportati all'importo dei lavori progettati, forniranno la percentuale di incidenza del costo de progetto. Questo importo dovrà essere messo in relazione a quello dei lavori da porre a base di gara per determinare la nuova base d'asta, incrementata della media dei ribassi ottenuti in passato

L'Autorità di vigilanza sui contratti pubblici mette una pezza al problema dei bandi di gara per i servizi di progettazione da comporre in assenza di tariffe. Dopo il buco creato dal decreto liberalizzazioni, che ha eliminato i listini di riferimento per le prestazioni dei professionisti, le stazioni appaltanti chiedevano parametri da usare per redigere i loro bandi.

I tecnici di Via di Ripetta hanno risposto con la delibera numero 49 (clicca qui per scaricare il testo ), firmata giovedì scorso dal presidente Sergio Santoro e dal consigliere Giuseppe Borgia. Una delibera che ha, nella sostanza, l'aspetto di una soluzione ponte. Essa stessa, infatti, fa riferimento a una futura determinazione che andrà a disciplinare la materia in maniera più compiuta. Per evitare il blocco del mercato, però, serviva evidentemente una soluzione di pronto utilizzo.

Il documento, di undici pagine, parte dalla questione degli importi a base di gara per i servizi di ingegneria. Anzitutto, l'Authority ribadisce la necessità di «una dettagliata individuazione» delle attività da svolgere e dei relativi costi per definire esattamente gli importi. Questi elementi dovranno essere inseriti nei documenti di gara.

Ma come si determinano gli importi? Alla domanda, come detto, l'Avcp si riserva di rispondere in maniera dettagliata con «future determinazioni». Nell'attesa, però, prova a indicare una soluzione immediata. «I responsabili del procedimento potrebbero riferirsi ai costi sostenuti dalla propria amministrazione negli ultimi anni». Quindi, bisogna guardare al passato e far riferimento al registro storico dei propri appalti per rimediare all'assenza di tariffe.

In dettaglio, gli importi dei compensi corrisposti ai progettisti negli ultimi anni, rapportati all'importo dei lavori progettati, forniranno la percentuale di incidenza del costo della fase progettuale. Questo importo dovrà essere messo in relazione a quello dei lavori da porre a base di gara per determinare la nuova base d'asta. Questa, ovviamente, andrà incrementata della media dei ribassi ottenuti in passato.

Il secondo problema risolto dalla delibera è quello dei requisiti di partecipazione. Qui il testo fa riferimento alla determinazione n. 5 del 2010 della stessa Authority, interamente dedicata agli incarichi di progettazione. Anche in assenza di tariffe resta vivo il riferimento ai primi due livelli indicati dalle tabelle allegate alla determinazione, che individuano la destinazione funzionale delle opere e le relative identificazioni e specificazioni. Nei bandi di gara, invece, non si farà più riferimento alle classi e categorie indicate nel terzo livello. Anche se il possesso dei requisiti potrà essere documentato con certificati, emessi in passato, che contengono i riferimenti a quelle classi e categorie.

Infine, l'Autorità affronta il problema della verifica di congruità delle offerte. In assenza del riferimento delle tariffe, bisogna indicare nuovi parametri. L'Avcp ne individua due, anche se a titolo esemplificativo. Potrà essere considerata non congrua l'offerta che, considerando il ribasso, risulti inferiore «in misura elevata» rispetto all'importo che è stato preso a riferimento dalla stazione appaltante per calcolare la base d'asta. In questo caso va sottolineato che l'Authority non indica un parametro preciso. L'altro riferimento è l'articolo 92 del codice, che individua la percentuale del due per cento come limite per l'incentivo ai progettisti della Pa. Il tetto del due per cento potrà essere considerato, se sfondato verso il basso, l'indicatore di un'offerta anomala.


© RIPRODUZIONE RISERVATA