Lavori Pubblici

Per usare le macchine da cantiere dal 2013 serviranno i «patentini»

Giuseppe Latour

In Gazzetta l'accordo sull'elenco delle attrezzature per le quali è richiesta la specifica abilitazione e i requisiti necessari per la formazione. I lavoratori che, alla data di entrata in vigore dell'accordo (12 marzo 2013), sono incaricati dell'uso delle attrezzature individuate devono effettuare i corsi entro 24 mesi

Arriva sulla Gazzetta ufficiale n. 60 del 12 marzo 2012, supplemento ordinario n. 47, l'accordo sui «patentini» delle macchine. Che, tecnicamente, individua le attrezzature di lavoro per il cui utilizzo è richiesta una specifica abilitazione. E, allo stesso tempo, stabilisce i requisiti e le modalità di svolgimento dei corsi di formazione per i lavoratori incaricati dell'uso di tali attrezzature, sancito nella Conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio 2012, in attuazione dell`articolo 73, comma 5, del Dlgs n. 81/2008, il Testo unico sicurezza.

Nell'allegato A del documento si legge un lungo elenco di tutte le attrezzature per le quali è richiesto il patentino. Si trovano, tra le altre, piattaforme di lavoro mobili elevabili, gru a torre, gru mobili e gru per autocarro, carrelli elevatori, escavatori, pale, terne, pompe per calcestruzzo.

Negli allegati B, invece, vengono indicati tutti i requisiti necessari per la formazione. Strumenti e materiali didattici, durate dei corsi e loro composizione.

L'accordo, secondo quanto si legge nel testo, entrerà in vigore il 12 marzo del 2013. I lavoratori che, alla data di entrata in vigore dell'accordo, sono incaricati dell'uso delle attrezzature individuate devono effettuare i corsi entro 24 mesi dalla stessa data. L'abilitazione che ne consegue deve essere rinnovata entro cinque anni dalla data di rilascio dell'attestato. In questo anno, dopo la pubblicazione del testo, si aprirà la corsa dei soggetti che già oggi fanno formazione per strutturarsi secondo le regole della convenzione: soprattutto, scuole edili, produttori e noleggiatori di macchinari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA