Innovazione e Prodotti

Aerogel e fiocchi di cellulosa, ecco come si «isolerà» la casa 2.0

Maria Chiara Voci

Sono il frutto di due progetti di ricerca che due aziende piemontesi – Vimark e Nesocell – stanno portando avanti con finanziamenti europei

Un termo-intonaco innovativo, realizzato con l'impiego di una nuova tipologia di aerogel e in grado di garantire altissimi standard d'isolamento termico e durabilità nel tempo. In parallelo, lo sviluppo di un nuovo materiale che, posato sull'esistente, sarà in grado di assorbire gli inquinanti e potrà essere associato alla coibentazione ottenuta con fiocchi di cellulosa.

È la doppia sfida che due aziende piemontesi – rispettivamente la Vimark di Peveragno, in provincia di Cuneo, e la Nesocell, spin-off del Politecnico e fra le aziende incubate in I3P – stanno portando avanti grazie ai progetti di ricerca Hipin ed Eco-See, finanziati dall'Unione Europea e resi possibili grazie al supporto dell'Environment Park, spa ad azionariato pubblico attiva dal Duemila a Torino.

Le due iniziative, che vedono le realtà italiane coinvolte al fianco di importanti partner altre nazioni europee, sono sviluppate nell'ambito del Polight di Envy Park, polo d'innovazione cui aderiscono circa 150 aziende innovative del territorio piemontese. Fra queste, appunto, la Vimark, che impiega oggi circa 40 persone con un fatturato di circa 11 milioni ed è attiva da 35 anni nella vendita di premiscelati per l'edilizia. Il progetto europeo Hipin, a cui l'impresa partecipa insieme ad attori del calibro della inglese Ici, del gruppo AksoNobel e all'azienda torinese Methodo, tutti coordinati dall'organismo di ricerca anglosassone Twi, è quasi giunto al traguardo finale.

«Il nostro prodotto – spiega Marco Dutto, responsabile marketing della ditta di Peveragno – parte dalla messa a punto di un aerogel nanostrutturato, che può essere incorporato in vernici, intonaci e pannelli ed essere utilizzato anche e ad esempio nelle riqualificazioni degli edifici storici, che pongono maggiori problemi nella posa di cappotti». Con uno spessore ridotto, il nuovo intonaco – che avrà una conducibilità termica intorno agli 0,034 watt/metroK contro la media dei prodotti esistenti, che si aggirano intorno agli 0,07 watt/metroK – dovrebbe essere disponibile per la vendita entro un anno e mezzo e avrà come caratteristica peculiare un'altissima durabilità oltre a prezzi ridotti, visto che il costo di produzione dell'aerogel potrebbe arrivare fino a 0,60 centesimi/litro.

Ancora in fase di avviamento è, invece, il progetto Eco-See in cui è coinvolta la Nesocell, giovane impresa innovativa, che oggi dopo quattro anni di vita conta una decina di dipendenti e 1 milione di fatturato. «L'obiettivo - spiega Davide Contu, direttore amministrativo – è sviluppare un nuovo materiale in grado di assorbire gli inquinanti presenti sulle superfici, particolarmente adatto per moderni edifici a tenuta d'aria». La Nesocell è un caso di eccellenza in Italia: è l'unica impresa attiva sul nostro mercato a sviluppare un materiale isolante per insufflati e propone fiocchi di cellulosa che, a differenza di altri, non derivano dal macero della carta, bensì sono ottenuti dai processi di lavorazione della cellulosa, prima di diventare scarti.

«Pur presentando prestazioni simili a quelle di isolanti sintetici – prosegue Contu – i nostri fiocchi sono liberi da inchiostri di stampa, sali di boro e altre sostante tossiche. Inoltre, la velocità di posa nell'isolamento che proponiamo è da 5 a 10 volte superiore rispetto a quella raggiungibile con pannelli mentre i costi, a parità di prestazione, si attestano su un quarto del valore dei più diffusi sistemi a cappotto». L'azienda è impegnata nello sviluppo di tecnologie nel settore del waste-to-energy e ha depositato una serie di brevetti internazionali. La tecnologia Nesocell è oggi già impiegata in più di un migliaio di edifici: un caso aziendale che sarà raccontato anche giovedì prossimo, 12 marzo, a Torino, nel corso di un evento dedicato all'edilizia sostenibile e organizzato da I3P.


© RIPRODUZIONE RISERVATA