Innovazione e Prodotti

Materiali, arriva la finestra made in Italy che ricambia e scalda l'aria

Maria Chiara Voci

Il prodotto è stato messo a punto da un'azienda piemontese, è stato presentato al Bau di Monaco 2015 e sarà esportato sia nel Nord Europa che in aree urbane emergenti, ma inquinate

Il segreto sta in uno scambiatore di calore "entalpico". Che permette, associato al sistema di ventilazione controllata, di pre-riscaldare l'aria fredda in arrivo dall'esterno, recuperando oltre al calore sensibile anche quello presente nel vapore acqueo.

L'innovazione è alla base di Aircare Es, la finestra «che ricambia e scalda l'aria» in un'unica soluzione, ultima nata sotto il marchio Thesan, spin-off dedicato al green building della storica azienda Savio Spa, di Chiusa San Michele in Piemonte. Il prodotto è stato presentato al Bau di Monaco 2015, tra le più importanti fiere al mondo nel panorama dell'architettura e delle costruzioni.

Evoluzione di una linea già lanciata sul mercato, il nuovo sistema, ultrapiatto e modulare, è disegnato da Pininfarina Extra e viene proposto per la ventilazione di spazi indoor anche di medie dimensioni – come ospedali, scuole e uffici – e ubicate in aree geografiche con climi temperati e inverni freddi. Grazie allo scambiatore, la finestra assicura un'efficienza massima del 75% e riduce notevolmente i consumi energetici legati al sistema di ventilazione controllata.

«Aircare assicura tra i 17 e i 43 metri cubi di aria nuova all'ora per stanza – spiega Massimo Paci, direttore commerciale Air Quality & Energy Saving di Thesan - ed è regolabile in base alle diverse esigenze di utenti ed edificio. Il dispositivo ha un sistema di filtrazione modulabile per particolato, PM10 e PM2,5, batteri, pollini, funghi e acari». La tecnologia made in Thesan sarà esportata sia nel Nord Europa che in aree urbane emergenti, ma inquinate di Paesi come Cina, India, Malesia, Indonesia, Tailandia, Singapore e Messico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA