Innovazione e Prodotti

Materiali hi-tech, due startup dell'edilizia tra le italiane con fatturati record

Mila Fiordalisi

Personal Factory vince con il suo «robot» per produrre inerti, mentre Color System domina il settore delle vernici ecompatibili

Ci sono due startup del settore edilizia fra le 21 italiane che hanno superato la soglia di fatturato del milione di euro. Si tratta della calabrese Personal Factory, che ha messo a punto un innovativo sistema per la realizzazione di prodotti destinati al mercato delle costruzioni e della marchigiana Color System in campo con una speciale vernice ad acqua completamente ecosostenibile.
Se è vero che la soglia del milione non garantisce il futuro né rappresenta una pietra miliare – l'ambizione delle startup è di diventare «billion dollar company» – vero è che il giro di boa del milione di euro di fatto si configura come una soglia «psicologica» anche tenendo conto che nel nostro Paese ce l'hanno fatta per il momento solo in venti.

Fondata nel 2009 a Simbario, in provincia di Vibo Valentia, da Francesco e Luigi Tassone e iscritta nella sezione startup del registro imprese da quest'anno, Personal Factory è un'azienda che è riuscita a farsi strada grazie alla messa a punto di una «macchina» chiavi in mano che consente di miscelare e produrre inerti e sostanze trasformando i «comuni» rivenditori in produttori di materiali. Origami – questo il nome della «mini-fabbrica» che occupa appena sei metri quadrati – è in grado di produrre malte da utilizzare come miscele per calcestruzzi e intonaci. Non solo: i «robot» della linea Origami possono essere comandati a distanza grazie a una piattaforma virtualizzata, anch'essa sviluppata in casa, che di fatto ha dato vita all'era del cloud manufacturing. L'idea è piaciuta al venture capital: Fondamenta Sgr e Vertis Sgr dopo la prima iniezione (nel 2009) da 1,8 milioni di euro nell'azienda calabrese hanno deciso lo scorso anno di sottoscrivere un aumento di capitale da 2 milioni insieme con Imi Fondi Chiusi Sgr (Intesa SanPaolo) attraverso i due fondi TT Venture e Atlante Ventures Mezzogiorno.

È specializzata nella produzione di speciali vernici ad acqua ecocompatibili la marchigiana Color System fondata nel 2001 a Castelfidardo, in provincia di Ancona, da Emo Romoli, Lina Roncaglia e Aldo Romoli. «Abbiamo da tempo convertito quasi tutte le nostre finiture da base solvente a base acqua, poiché la verniciatura all'acqua rappresenta la nuova frontiera per una produzione eco compatibile», spiega l'azienda. In catalogo una serie di resine trasparenti, con formulazione catalizzata o termoindurente, che consentono di ottenere superfici altamente resistenti agli agenti chimico-atmosferici.
Fra le soluzioni una ricca gamma di metallizzati e anodizzati, a perfetta imitazione di metalli quali alluminio, argento, acciaio, ottone, nichel, rame e bronzo con finiture che spaziano dal sabbiato al satinato e dal lucido all'opaco. E poi ci sono i cosiddetti soft-tessuti liquidi da applicare su supporti ferrosi, metalli non ferrosi e polimeri. L'azienda produce inoltre una linea di vernici «speciali» – utilizzabili su diversi materiali – con proprietà termocromiche (in grado di cambiare colore al raggiungimento di determinate temperature), fotocromiche (cambiano colore all'impatto con i raggi solari e ultravioletti) e fotoriflettenti (a base di pigmenti che assorbono la luce e poi la rilasciano conferendo alle superfici la funzionalità auto-illuminante). E fra le soluzioni più innovative anche le vernici aromatiche, resine che emanano gradevoli profumi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA