Innovazione e Prodotti

In Svizzera il centro congressi si veste di cellule fotovoltaiche multicolore (e super-efficienti)

MIla Fiordalisi

Inaugurato nei giorni scorsi l'edificio è stato progettato come un anfiteatro "modulare": in soli 15 minuti può diventare auditorium, area espositiva o sala per eventi

Trecento metri di facciata fotovoltaica colorata: è un tripudio di innovazione e design l'edificio che a Losanna, presso l'Ecole Polytechnique Fédérale ospita il nuovo Swiss Tech Convention Center.

Inaugurato nei giorni scorsi il nuovo centro congressi, a firma di Richter Dahl Rocha & Associates, è stato progettato come un anfiteatro "modulare": 3mila i posti a sedere all'interno della struttura che in soli 15 minuti può essere trasformata da auditorium per conferenze ad aree espositiva o sala per eventi. Ma è la facciata fotovoltaica multicolor, quella ovest, a rappresentare il fiore all'occhiello: i pannelli verticali, di differenti colori, sono stati allestiti in modo tale da conferire "personalità" all'edificio e soprattutto per consentire la produzione di energia elettrica. Allestiti a mo' di "veneziana" i pannelli si possono regolare comportandosi come frangisole.

Stando alle stime dello studio la facciata solare dovrebbe produrre circa 8mila kwh di energia elettrica all'anno. Non solo: i pannelli sono stati disposti in modo tale da mantenere inalterata la temperatura all'interno dell'auditorium grazie alla proprietà "isolante" nonché per creare scenografici giochi di luce-ombra proiettando sulle pavimentazioni e sulle pareti interne un arcobaleno dall'intensità cangiante.

Per la realizzazione dei pannelli colorati lo studio ha optato per le cosiddette cellule di Grätzel (dal nome dell'inventore), una tecnologia – per la prima volta utilizzata in un progetto a così larga scala - che rispetto al silicio è in grado di consentire la produzione di energia anche a fronte di uno scarso irraggiamento solare. I pannelli Grätzel, traslucenti, sono in grado, ad esempio, di raggiungere un efficienza del 26% (rispetto al 9% dei pannelli in silicio) se esposti alla luce emessa da una lampada al neon. L'edificio di Losanna, la cui forma è ispirata a quella di un catamarano, è composto dall'intersezione di due grossi "fasci" metallici supportati da due piloni in cemento rinforzato localizzati nella parte centrale e nord dell'edificio stesso. Il rivestimento esterno in alluminio anodizzato contrasta con quello in legno utilizzato per gli interni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA