Innovazione e Prodotti

Da CoeLux la luce solare riprodotta negli ambienti al chiuso

Mila Fiordalisi

È made in Italy la prima tecnologia al mondo in grado di riprodurre la luce solare negli ambienti indoor. CoeLux, questo il nome della tecnologia italiana frutto di un progetto decennale portato avanti da un team capitanato dal professor Paolo Di Trapani, docente di fisica presso il Dipartimento di Scienze ed Alta Tecnologia dell'Università dell'Insubria a Como, fa leva sulla combinazione di tre "ingredienti": un impianto Led di nuova generazione in grado di riprodurre le caratteristiche spettrali della luce solare, sistemi ottici che impartiscono la direzionalità alla luce stessa e materiali nanostrutturati che in pochissimi millimetri sono in grado di realizzare i processi diffusivi (rayleigh).

Oltre alla luce solare CoeLux è in grado di riprodurre anche "porzioni" di cielo dando vita di fatto ad una vera e propria "finestra" tecnologica indoor su un cielo blu e soleggiato. Non solo: la tecnologia alla base del sistema - che ha fra l'altro ricevuto un finanziamento da 2,5 milioni da parte della Commissione Ue, nell'ambito del VII Programma quadro – "interagisce" con gli ambienti interni alla pari di una fonte di illuminazione naturale ossia creando giochi di luce e ombra e modulandosi in base alle differenti inclinazioni dei raggi solari riprodotti.
"CoeLux è un ottimo esempio di come la scienza possa trasformare un'idea semplice ma difficile da realizzare, come riprodurre la luce del sole, in una realtà. Ha indubbiamente un potenziale enorme se si pensa alla differenza che può fare nella vita di tutti", sottolinea Michael Jennings, portavoce del Commissario Europeo per la ricerca, l'innovazione e la scienza Máire Geoghegan-Quinn.

Tre le versioni del sistema che dovrebbe essere lanciato sul mercato entro fine anno: si tratta di Nord Europa, Tropici e Mediterraneo, in grado di riprodurre l'illuminazione naturale tipica di queste aree. Per creare ambientazioni "nordiche" c'è CoeLux30, il cui fascio di luce risulta inclinato di 30 gradi rispetto all'orizzonte. La finestra a parete è in grado di riprodurre una luce calda e radente. Per le atmosfere mediterranee la versione ideale è CoeLux45, con lucernario a soffitto e fascio a 45 gradi. CoeLux60 è invece la versione per riprodurre la luce tropicale: dal lucernario a soffitto si espande una luce del sole più fredda e verticale. Utilizzabile nel residenziale, ad esempio in ambienti quali taverne, bagni ciechi, cantine e garage la tecnologia CoeLux in realtà mira a farsi strada soprattutto ambienti ipogei quali metropolitane, aeroporti, parcheggi, centri commerciali, ma anche ascensori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA