Innovazione e Prodotti

Ecco perché il termostato di Google rivoluzionerà le nostre case (e saprà tante cose anche di noi)

Mila Fiordalisi

Google entra nelle nostre case con il termostato intelligente di Nest Labs, che controllerà tutte le prestazioni energetiche delle abitazioni

Punta a conquistarsi un ruolo da protagonista (anche) nel settore della smart home (la casa intelligente) il motore di ricerca Google. E per il debutto ha deciso di fare le cose in grande: 3,2 i miliardi di dollari sborsati per acquisire Nest Labs, azienda che ha in pancia due dispositivi "intelligenti" che hanno già riscosso ampio successo sul mercato statunitense: un termostato di nuova generazione (prezzo al pubblico 249 dollari) che oltre a monitorare la temperatura domestica è in grado di autoregolare l'impianto di riscaldamento/raffrescamento e un rilevatore di fumi e di monossido di carbonio (venduto a 129 dollari) che cambia colore e allerta attraverso un messaggio vocale sull'eventuale innalzamento dei livelli consentiti per legge e considerati "salutari".

Il matrimonio con Nest Labs, che vanta fra i fondatori Tony Fadell e Matt Rogers due ex Apple che hanno contribuito a progettare l'iPod e l'iPhone, permetterà non solo di migliorare le performance dei due dispositivi, ma anche di favorirne la diffusione a livello mondiale.

L'acquisizione - seconda per importanza e valore economico solo a quella di Motorola Mobility – è il segnale che Google non solo intende espandere il proprio business cavalcando l'onda del cosiddetto "Internet degli oggetti", ma intende farlo entrando direttamente nelle abitazioni, un modo per accrescere ulteriormente la conoscenza degli utenti della Rete. Dopo gusti e preferenze "tracciati" attraverso le ricerche online il "motore" attraverso i termostati e i rilevatori dotati di sensori potrà ottenere anche informazioni quali il livello dei consumi energetici e la capacità di spesa dei propri clienti. Informazioni preziose anche e soprattutto se si considera che la società fondata da Larry Page e Sergey Brin ha già investito oltre un miliardo di dollari nel settore delle energie rinnovabili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA